CONGRESSO FIR CISL MARCHE, 26 marzo 2013 – Grottammare

I lavori del III Congresso della FIR Cisl Marche, categoria che riunisce i lavoratori del settore dell’innovazione e della ricerca, si sono aperti con la relazione del Segretario Generale Aldo Bertone, riconfermato dai delegati alla guida della categoria. Bertone ha posto all’attenzione del dibattito congressuale i temi delle crisi e del sindacato come luogo dove i lavoratori possono vivere “consapevole solidarietà” e condividere “capacità progettuale”, della globalizzazione dei mercati, dell’eccesso di frammentazione del nostro sistema produttivo, dell’insufficiente valorizzazione del rapporto tra ricerca e qualità della vita. Nell’inedito contesto restituitoci dalla crisi e nella nuova “società della conoscenza”, “ogni territorio, ogni Paese o nazione”, ha affermato Bertone, deve investire in “un progetto di adeguamento del produttivo e dei servizi per poter tornare a competere a livello mondiale”. In questa sfida, il sindacato, in particolare la federazione di rappresentanza dei lavoratori degli Enti Pubblici di Ricerca (EPR), è chiamato a svolgere un ruolo importante per “sanare la parcellizzazione degli enti di ricerca, favorire l’investimento nella ricerca pubblica, sostenere una politica di assunzione del personale degli EPR e di stabilizzazione dei precari, incoraggiare l’interazione tra il sistema della ricerca, le istituzioni locali, l’industria e i servizi, impegnarsi in una contrattazione decentrata capace di premiare il merito dei lavoratori della ricerca”.