In scadenza i bandi del fondo per le morosità incolpevoli

casaPubblicati i bandi 2015 nei comuni della Regione per accedere al fondo per le morosità incolpevoli. È pertanto urgente che tutti gli interessati – inquilini e proprietari – provvedano a verificare il possesso dei requisiti richiesti ed a presentare domanda entro le scadenze previste in ogni comune (circa metà dicembre) l’organizzazione sindacale degli inquilini Sicet è a disposizione per assistere le parti nella compilazione delle domande e chiede inoltre alla Regione Marche di modificare l’apposito regolamento affinchè dal 2016 i comuni possano predisporre dei bandi aperti tutto l’anno, per non vanificarne le finalità e facilitarne l’accesso con la necessaria urgenza nel momento in cui si presenta il problema

La condizione abitativa, nelle Marche, rimane pesante. Servono nuovi strumenti, con regole condivise tra proprietari ed affittuari, capaci di sbloccare risorse e dare risposte a un fenomeno trasformatosi in emergenza durante una pesante e prolungata crisi economica che ha provocato la perdita del lavoro e della casa per quei lavoratori che non possono più far fronte al pagamento dell’affitto o delle rate del mutuo.

I dati degli ultimi anni evidenziano, nelle Marche, un aumento dei provvedimenti di sfratto emessi: 1794 nel 2014 contro i 1308 dell’anno precedente e i 1092 del 2011 (+37,15% e +64,28%), bilanciati solo parzialmente da un calo degli sfratti eseguiti (da 838 nel 2011 a 762 nel 2013 e 728 lo scorso anno, con una flessione triennale dell’ 8,68%). Nel territorio marchigiano si registra, inoltre, una maggiore incidenza degli sfratti in rapporto al numero delle famiglie residenti, con uno scostamento, rispetto alla media nazionale, del 7,48% nel 2014.

Nella nostra regione sono stati già messi in atto alcuni tentativi di agenzie per il diritto alla casa, da parte di alcuni Comuni, anche investendoci impegno e risorse non indifferenti: prima Senigallia e Ancona, esperienze finite dopo qualche anno per assenza di risultati, quindi Fano e Pesaro, ancora attive ma con notevoli difficoltà di prospettiva.

La nuova Amministrazione regionale ha recentemente riproposto il tema all’attenzione delle parti sociali e dei Comuni. Le organizzazioni sindacali degli inquilini e dei proprietari sono state invitate a concordare ed inviare una loro proposta, cui far seguire un confronto sui possibili percorsi di realizzazione. Il Sicet Cisl Marche ritiene perciò che questa sia una importante occasione per introdurre anche nei contratti di locazione un “meccanismo di tutele crescenti” rispetto agli attuali livelli di tutela, del tutto insufficienti per entrambe le parti contraenti.

In quest’ottica, sarebbe possibile disporre di risorse già previste e rimaste inutilizzate, come il Fondo di Garanzia per la locazione di 2 milioni di euro approvato dalla Regione nel 2013 per il “sostegno all’affitto per le famiglie in condizioni di particolare difficoltà socio-economica”. Altre risorse si possono mobilitare o incoraggiare presso i comuni, nei soggetti del cosiddetto “privato sociale”, nonché tra gli stessi soggetti contraenti, con un più efficace utilizzo del Deposito Cauzionale o altre forme di garanzia contrattate.

La disponibilità di un Fondo di Garanzia è infatti uno strumento fondamentale per la costituzione ed il funzionamento di una agenzia regionale per la locazione agevolata, insieme alla valorizzazione delle strutture istituzionali già esistenti, indirizzandole verso utilizzi innovativi: primo fra tutti l’Erap (Ente regionale per l’abitazione pubblica), al cui interno è possibile costituire un’unica agenzia regionale ed un unico Fondo di Garanzia, essendo un ente già predisposto per la gestione degli interventi pubblici sul diritto alla casa, articolato in cinque presidi provinciali, dotato di personale con competenze specifiche e degli strumenti necessari.

Presso ognuno dei cinque Presidi provinciali dell’Erap dovrebbero poi costituirsi uno sportello per la gestione del servizio di domanda e offerta per alloggi in locazione a canone concordato, accessibile a tutti gratuitamente tramite bacheca telematica, e una commissione territoriale per l’affitto tutelato da convocarsi periodicamente per il recupero delle morosità, della gestione degli sfratti e l’individuazione di soluzioni alternative da casa a casa.