Pensionati maceratesi in Assemblea su previdenza e sanità

img-20161018-wa0006Si è svolta oggi nella Sala Convegni della Provincia di Macerata l’assemblea unitaria delle Federazioni dei pensionati di SPI Cgil, FNP Cisl e UILP Uil  maceratesi. Circa 130 persone hanno partecipato all’incontro, che all’ordine del giorno aveva in primo luogo la valutazione dell’impatto dell’intesa Governo – Sindacati sulla previdenza firmata il 28 settembre scorso.

Tra le misure che dovrebbero essere inserite nella prossima Legge di stabilità, quelle che più interessano la categoria dei pensionati sono l’equiparazione della no tax area a quella dei lavoratori dipendenti (8.125 €) e le modifiche all’istituto della quattordicesima mensilità (cosiddetta “somma aggiuntiva”). Introdotto nel 2007 dal Governo Prodi, il beneficio è stato erogato in questi anni ai pensionati di età superiore a 64 anni con reddito complessivo personale non superiore a 1,5 volte il trattamento minimo (9.786,86 € nel 2016, circa 750 € mensili).

L’intesa ha un duplice effetto: amplia la platea dei beneficiari della somma aggiuntiva, incrementando proprio il limite di reddito necessario, che passa a 13.049 € lordi annui (circa € 1.000 mensili). Per coloro che finora hanno percepito il beneficio (ma non per i nuovi percettori) incrementa l’importo della quattordicesima in base ai contributi versati.

img-20161018-wa0011«Non è semplice quantificare precisamente l’impatto che tale misura avrà nei confronti dei pensionati marchigiani – sostiene il Segretario regionale della FNP Marche Dino Ottaviani – ma possiamo stimare che circa 43.500 saranno quelli interessati dall’estensione del beneficio. Altri 70.500 pensionati circa, ossia quelli ai quali la somma è stata erogata nel 2016, beneficeranno dell’incremento degli importi, in base ai contributi versati. Complessivamente, quindi, quasi 114.000 pensionati marchigiani beneficeranno dell’accordo.

img-20161018-wa0010Di accordo con un importante valore simbolico e politico ha parlato la Responsabile della Cisl di Macerata, Silvia Spinaci, intervenuta ai lavori dell’Assemblea. «L’intesa del 28 settembre apre una breccia nella riforma Monti-Fornero e rappresenta un importante risultato della mobilitazione unitaria dell’aprile scorso. Sul piano dei contenuti vengono date risposte concrete ad alcune categorie di lavoratori e pensionati particolarmente svantaggiate, valorizzando allo stesso tempo il ruolo del sistema previdenziale come strumento di coesione – e non di conflitto – intergenerazionali.»

L’assemblea ha avuto ad oggetto anche una valutazione sullo stato del confronto con la Regione Marche rispetto alle politiche sanitarie e socio sanitarie.

20161018_094933«A luglio abbiamo presentato un documento unitario per una nuova politica regionale sulla non autosufficienza – ha affermato Ottaviani – ma la Regione non ci ha ascoltato. Sulle cure domiciliari le risorse investite sono ancora troppo esigue. I nuovi 400 posti letto di residenza protetta per anziani non saranno convenzionati in base a logiche di riequilibrio territoriale, come da noi richiesto, ma sulla base delle autorizzazioni già concesse. Preoccupa infine la trasformazione dei piccoli ospedali in Ospedali di Comunità, dove non vi è garanzia che sarà prestata un’assistenza adeguata ai bisogni degli utenti.

Anche per queste ragioni SPI FNP e UILP aderiranno alla manifestazione organizzata da CGIL CISL e UIL Marche il 26 ottobre prossimo ad Ancona – “Sanità da curare” – per ottenere risposte serie ai problemi sanitari e sociali della Regione Marche.