La ThyssenKrupp licenzia anche ad Ancona

 A seguito dell’avvio  della procedura di licenziamento collettivo di tutti i 12 dipendenti e di cessazione attività del sito produttivo marchigiano che  rifornisce di cappe  le grandi multinazionali  del territorio, si è svolto oggi, presso lo stabilimento Terninox di Monsano, l’incontro di esame congiunto tra sindacati metalmeccanici  e management aziendale.

L’Azienda ha confermato l’intenzione di chiudere il sito entro il 30 aprile 2017 senza aver dato prospettive o spiragli di sopravvivenza dello stesso, nonostante un fatturato di svariati milioni di euro.

Pur essendosi resa disponibile alla gestione sociale dei dipendenti si è limitata solo ad offrire il trasferimento di 4 operai e 1  impiegato nel sito di Ceriano Laghetto (MB),oltre ad un incentivo all’esodo che ancora  non ha quantificato.

«Riteniamo totalmente insufficienti le azioni proposte dall’Azienda. – dichiarano Fim Cisl e Fiom Cgil a margine dell’incontro  –   Non dimentichiamo  che Terninox è una società della ThyssenKrupp Acciai SpecialiTerni, e ci aspettiamo che il colosso dell’acciaio intervenga per trovare soluzioni al fine di salvaguardare tutta l’occupazione