730 2017: le novità di quest’anno su deduzioni e detrazioni

Entra nel vivo la campagna fiscale 2017, con tanti contribuenti che in questi giorni stanno raccogliendo tutti i documenti utili da presentare al Caf per l’elaborazione del modello 730. Ricordiamo che la scadenza per presentare la dichiarazione dei redditi al Caf è il 7 luglio, con un’estensione al 23 luglio per chi lo presenta da solo on line o anche tramite Caf e professionisti, che però devono inviare l’80% delle dichiarazioni all’Agenzia delle Entrate entro il 7 luglio. Il consiglio però è di non ridursi all’ultimo minuto, per evitare che l’eventuale rimborso slitti dalla busta paga/pensione del mese successivo.

Veniamo alle principali novità del modello 2017 per i redditi 2016:

Premi di risultato: ritorna l’aliquota ridotta al 10% per i premi fino a 2.000 euro (2.500 nei casi in cui ci sia coinvolgimento dei lavoratori all’organizzazione del lavoro) per i lavoratori che nel 2015 hanno avuto un reddito lordo fino a 50 mila euro.

Spese di istruzione: la detrazione del 19% aumenta da un massimo di 400 euro nel 2015 a 564 euro a studente per il 2016 e si estende ai costi sostenuti per mensa, servizi integrativi pre e post scuola, assistenza al pasto (anche se il servizio è reso tramite il comune o soggetti terzi) e ancora alle spese per gite scolastiche, assicurazione e ogni contributo scolastico finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa (corsi di lingua, teatro ecc). Infine, per chi frequenta gli Istituti Tecnici Superiori, il riferimento per le detrazioni è quello delle spese universitarie inclusi quindi eventuali canoni di locazione per studenti fuori sede.

Spese per ristrutturazione e risparmio energetico: per le spese sostenute dal 1° gennaio 2016, la detrazione spetta anche al convivente del proprietario dell’immobile anche in assenza di un contratto di comodato. In caso di vendita o donazione dell’immobile, è sufficiente una scrittura privata perché la detrazione resti in capo al venditore tramite una scrittura privata, anche se tale volontà non è specificata nel rogito.. Debutto nel 2016 della detrazione del 65% per le spese sostenute per acquisto, messa in opera e installazione di strumenti per il controllo da remoto di impianti di riscaldamento e climatizzazione, e della detrazione del 50% dell’iva per l’acquisto di abitazione da impresa costruttrice di case con certificazione energetica di classe A o B.

Spese sanitarie: non è più necessario conservare la prescrizione medica per poter portare in detrazione le spese sanitarie relative all’acquisto di medicinali, anche veterinari, e sono detraibili anche gli acquisti da farmacie on line.

Confermata invece la non detraibilità della spesa relativa all’acquisto di ‘parafarmaci’ anche se acquistati in farmacia su prescrizione medica. Le prestazioni del massofisioterapista sono detraibili solo se rese da soggetti che hanno conseguito il diploma di formazione triennale entro il 17 marzo 1999: nel documento di spesa, oltre alla descrizione della figura professionale e della prestazione resa, dovrà essere attestato il possesso del diploma a tale data.

assistenza personale: i contributi previdenziali versati potranno essere dedotti anche se la badante è assunta tramite agenzia interinale o fornite da cooperative e case di cura/di risposo.

Disabilità: nelle spese sanitarie delle persone con disabilità da quest’anno rientrano anche l’acquisto di una bicicletta elettrica a pedalata assistita, producendo, oltre alla certificazione di invalidità o di handicap, un certificato del medico specialista della Asl che attesti il collegamento tra la bici e le difficoltà motorie. Nuova agevolazione anche per l’acquisto della cucina da parte del contribuente disabile, con riferimento alle componenti meccaniche, elettroniche o informatiche finalizzate a facilitare il controllo dell’ambiente.

Scarica (PDF, 1.33MB)