Cancellati i voli per Roma: Aerdorica appesa a un filo

Un’altra tegola sul cammino accidentato di Aerdorica: Alitalia ha cancellato i collegamenti quotidiani tra il Sanzio e l’aeroporto di Fiumicino. A partire da ottobre, le Marche perdono il fondamentale cordone ombelicale con Roma, mentre la società che gestisce l’unico scalo regionale dovrà fare a meno di circa 800 mila euro di introiti annuali derivanti dai tre arrivi e tre partenze giornalieri assicurati dal vettore italiano. Un duro colpo che arriva mentre il Ctu nominato dal tribunale deve ancora stabilire se il piano industriale presentato dai vertici di Aerdorica sarà sufficiente a scongiurare il fallimento.

Inevitabili le ripercussioni sul piano occupazionale: dopo cancellazione voli Falconara-Roma, l’amministrazione di Aerdorica ha proposto un ulteriore ridimensionamento dell’organico e l’attivazione di contratti di solidarietà più estesi: si passa dal 25 fino al 50% negli uffici e dal 10 al 35% tra gli operativi.

«Siamo estremamente preoccupati perché la crisi Alitalia sta avendo ripercussioni dirette sull’aeroporto delle Marche – dichiara Roberto Ascani, segretario generale della Fit Cisl Marche -. Si intervenga per non isolare ulteriormente lo scalo, al quale verrebbe a mancare il collegamento con un hub internazionale e con le rotte intercontinentali».

Tra le ipotesi per il rilancio del Sanzio, si parla di un possibile collegamento con Francoforte, con la cessione di alcuni slot a Lufthansa, «ma – avverte Ascani – non se ne parla prima del 2018».

L’altra preoccupazione riguarda i livelli occupazionali: «La riduzione degli introiti – sostiene Ascani – genera un calo di attività e dell’occupazione che non possiamo accettare: occorre un’azione politica per dare una soluzione alle crisi del Sanzio e di Alitalia, stringendo al tempo stesso rapporti commerciali con altre compagnie per riportare l’aeroporto a un’operatività sufficiente, capace di generare valore per il territorio, i marchigiani e le imprese».