Cure domiciliari: l’Asur fermi la privatizzazione ed apra il confronto

Trascorsi appena due mesi dalla ripresa del confronto sulla riorganizzazione della sanità regionale, le Segreterie confederali di CGIL CISL UIL Marche si trovano costrette a denunciare un incomprensibile colpo di mano operato dall’ASUR. Con Determina del Direttore generale n. 550 del 29 settembre scorso l’Azienda unica ha emesso un bando di gara per l’affidamento del servizio di cure domiciliari dell’Area Vasta n. 5 di Ascoli Piceno. L’importo dell’appalto è imponente: 27,6 milioni di € + IVA per 60 mesi, prorogabili di ulteriori 42 (6 mesi di proroga tecnica ed altri 36 di eventuale ripetizione).

Più volte Cgil Cisl Uil Marche hanno ribadito di non avere alcuna pregiudiziale opposizione all’ingresso dei privati nella sanità regionale, a condizione che questo si traducesse in un potenziamento dei servizi erogati ai cittadini e in un miglioramento della loro qualità. Allo stesso tempo è indubbiamente positiva la volontà di potenziare un servizio come quello delle cure domiciliari, che abbiamo sempre considerato come fondamentale per garantire la presa in carico dei pazienti fragili e la continuità dell’assistenza.

È però grave che nel pieno della ripresa di un percorso di confronto nel merito di tali questioni – proprio la scorsa settimana abbiamo affrontato con la Regione il delicato tema delle sperimentazioni gestionali nella sanità previste dalla PDL 145 – si proceda ad implementare l’esternalizzazione di un servizio di importanza fondamentale per i cittadini marchigiani, senza dare alcuna spiegazione sul senso della scelta e senza un reale confronto sull’esperienza già realizzata.

Una decisione così improvvisa ed unilaterale è a tutti gli effetti inspiegabile per le conseguenze che questa è suscettibile di produrre sui dipendenti che l’ASUR oggi impiega nelle cure domiciliari. Conseguenze che, incredibilmente, nessuno ha ritenuto utile ed opportuno discutere con le rappresentanze dei lavoratori. La decisione è inspiegabile però, anche e soprattutto perché da anni stiamo inutilmente chiedendo all’ASUR dei dati che ci aiutino a comprendere lo stato dell’arte di un servizio sul quale nel 2015, anche grazie al nostro impegno, fu fatto un investimento di 1,3 milioni di € rispetto al quale, ancora oggi, non siamo stati messi in condizione di comprenderne gli effetti.

Alla luce di tali considerazioni, chiediamo all’Azienda unica la sospensione dell’appalto e l’apertura immediata di un confronto sull’organizzazione delle cure domiciliari nella Regione Marche.