Licenziamenti Ragaini Radiatori: la Cisl incontra i lavoratori

Un incontro per ripartire insieme: la Cisl non lascia soli i lavoratori della Ragaini Radiatori, sostenendoli dopo i 166 licenziamenti che potrebbero essere impugnati. Ma si guarda al futuro anche attraverso l’orientamento per la ricollocazione nel mondo del lavoro.

Ieri, nella sede di Osimo, gli operatori dell’Ufficio Vertenze hanno incontrato gli ex dipendenti per ascoltarli e discutere insieme le prospettive future: «Innanzitutto ci siamo riuniti per conoscere le modalità con cui si possono impugnare i licenziamenti, per chi lo volesse, da effettuare entro 60 giorni dall’arrivo della lettera di licenziamento, e poi anche come fare richiesta per recuperare le spettanze, non solo la mensilità di settembre non pagata ma la chiusura del rapporto e il tfr e valutare la possibilità di accedere al fondo dell’Inps», ha spiegato Danilo Capogrossi della  Fim Cisl.

«C’è una sensazione di grande spaesamento in questo momento così difficile ma altrettanto delicato – continua Capogrossi -. La Cisl vuole aiutarli. Occorre ripartire dalla base però, con i corsi di formazione, lezioni su come redigere un curriculum, tutto pur di non lasciarli soli».

Questo slideshow richiede JavaScript.