Prendiamoci cura tutti insieme per valorizzare l’ex Crass di Ancona

Al via il Progetto di monitoraggio “Prendiamoci cura”, promosso da Cgil Cisl Uil Ancona insieme alle categorie dei pensionati e della funzione pubblica, da Cittadinanzattiva delle Marche e Tribunale per i diritti del malato, finalizzato a valorizzare gli spazi comuni e i servizi sanitari presenti all’ex Crass di Ancona. Un progetto volto a recuperare la qualità dei servizi della sanità pubblica, con un attenzione anche agli spazi, partendo dalle segnalazioni dei cittadini ed operatori.

È questo l’obiettivo del monitoraggio “Prendiamoci cura” che partirà nelle prossime settimane con la raccolta delle segnalazioni di utenti e di chi opera all’interno dell’ex Crass di Ancona che ospita numerose strutture sanitarie territoriali dell’Asur.

Nonostante la sanità marchigiana sia considerata in termini di efficienza e di qualità dei servizi prestati tra le migliori a livello nazionale, tra i cittadini e gli operatori sanitari, che garantiscono quotidianamente il diritto alla salute, si lamentano disagi, sentimenti di insofferenza e a volte d’impotenza verso i servizi a cause di piccole e grandi inefficienze.

Anche per questo CGIL CISL UIL, insieme alle categorie dei pensionati e della funzione pubblica, Cittadinanzattiva delle Marche e Tribunale per i diritti del malato, avvieranno il monitoraggio della qualità dei servizi e dello stato degli spazi comuni presenti nell’area ex Crass, dal quale scaturirà un Report che verrà condiviso con Asur e Comune di Ancona.

«Siamo consapevoli che attraverso la partecipazione attiva di tutti, si possano costruire percorsi di crescita comune e di azioni mirate a migliorare la qualità dei servizi erogati e dell’utilizzo degli spazi comuni, in un’area come quella dell’ex Crass di Ancona che vorremmo venga maggiormente valorizzata e restituita ai cittadini» sottolineano i rappresentanti sindacali e delle associazioni promotrici del monitoraggio.