Aerdorica: accordo lontano. Mercoledì vertice in Prefettura

Nessun accordo tra i vertici di Aerdorica e i sindacati: l’incontro di ieri, giovedì 9 novembre, si è concluso senza registrare progressi nel difficile percorso intrapreso dalle parti per dare un futuro all’aeroporto delle Marche e ai suoi lavoratori. L’amministratore unico Federica Massei ha confermato l’esigenza di risparmiare 1,5 milioni di euro all’anno, procedendo ad esuberi se non saranno trovate alternative. Mercoledì prossimo, 15 novembre, sarà convocato in Prefettura ad Ancona un nuovo incontro per scongiurare i 30 licenziamenti.

Il nodo principale rimane la difficoltà nel reperire le risorse per attuare i risparmi necessari: la Fit Cisl ha chiesto di ripartire dalle proposte ante referendum, che consentirebbero di risparmiare circa 210 mila euro all’anno, e valutando anche altre soluzioni.

«Non sarà facile trovare una soluzione. – ha dichiarato Roberto Ascani, segretario generale della Fit Cisl Marche, al termine dell’incontro – Serve una presa di coscienza da parte dei lavoratori, con i quali ci confronteremo a breve: senza interventi concreti non sarà possibile garantire l’operatività dell’aeroporto e far rimanere agganciati al lavoro tutti i lavoratori. Reperire le risorse necessarie sarà un’impresa complessa ma la situazione emergenziale impone scelte dolorose seppur non definitive».