Pubblicate le nuove linee guida sui tirocini: passi in avanti ottenuti grazie all’impegno dei sindacati

La Regione Marche ha emanato le nuove linee guida regionali sui tirocini, in lieve ritardo rispetto alla scadenza del 25 novembre fissata dalla Conferenza Stato – Regioni. La nuova regolamentazione entrerà in vigore il 1 gennaio 2018 e riguarderà esclusivamente i tirocini extracurriculari, formativi, di orientamento ovvero di inserimento/reinserimento lavorativo che si svolgeranno presso un soggetto ospitante pubblico o privato nella Regione Marche.

Un passaggio al quale è stato doveroso prestare attenzione in una realtà che dal 2012 ad oggi ha assistito all’attivazione di 52.525 tirocini formativi, con un boom (11.557) solo nell’ultimo anno.

Non a caso, Cgil Cisl e Uil hanno tenuto alta la guardia, ottenendo dalla Regione alcune modifiche rispetto alla bozza originale del documento, per scongiurare un uso distorto di uno strumento che deve avere una valenza formativa, specialmente per i giovani: da opportunità per mettere alla prova e accrescere le competenze, i tirocini possono facilmente camuffare un rapporto di lavoro parasubordinato, ricalcando così le peggiori esperienze della stagione, appena conclusa, dei voucher.

Da porta d’accesso al mondo del lavoro i tirocini non possono trasformarsi in porta di servizio del lavoro precario.

Il contesto regionale ha visto in pochi anni stravolto il proprio mercato del lavoro, con un drastico declino dei contratti a tempo indeterminato a favore di un lavoro sempre più frammentato e discontinuo. Consapevole delle trasformazioni in atto, il Sindacato ritiene necessarie strategie condivise affinché strumenti di politiche attive, formazione e orientamento siano parte di una visione organica di sviluppo per la nostra regione che ponga al centro il lavoro. Per questo chiediamo unitariamente che i tirocini siano esperienze di qualità dal punto di vista formativo: un’occasione per le aziende e per giovani in transizione sotto il segno dell’innovazione e non solo un facile mezzo replicabile per riempire “vuoti” occasionali.

Porre un vincolo finalizzato alla stabilizzazione, alzare i compensi per i tirocinanti riconoscendo il valore dell’esperienza, vigilare sulla qualità formativa del progetto anche in relazione alla durata del tirocinio, queste in sintesi le richieste di CGIL CISL UIL alla Regione.

La durata ordinaria del tirocinio, comprensivo di proroghe, è di 6 mesi e può essere elevata fino ad un massimo di 12 mesi in considerazione dello specifico profilo professionale. 

L’indennità di partecipazione varia da un minimo di 400 fino a 500 euro mensili (quest’ultimo importo per un’attività pari almeno a 30 ore settimanali).

Il testo approvato contiene aspetti migliorativi rispetto alla bozza iniziale e alla stessa impostazione generale delle linee guida nazionali: progressi ottenuti grazie all’impegno di CGIL CISL UIL Marche in sede di confronto e in occasione della discussione in Commissione Regionale Lavoro. Siamo riusciti ad ottenere, in particolare, il divieto nei confronti dei soggetti ospitanti di poter attivare tirocini in assenza di assunzione di almeno 1/3 dei tirocinanti ospitati nei 24 mesi precedenti, con un contratto di almeno 6 mesi. È stata inserita inoltre la previsione che consente al soggetto promotore di valutare l’idoneità del soggetto ospitante a poter accogliere tirocinanti e che il monitoraggio degli esiti dei tirocini venga comunicato e discusso in Commissione Regionale Lavoro.

Scarica (PDF, 844KB)

Scarica (PDF, 673KB)

REPUBBLICA DEGLI STAGISTI: Stage nelle Marche: ancora manca la nuova legge, ma l’indennità dovrebbe aumentare