Ospedale di Sassocorvaro e il diritto alla salute delle comunità dell’alto Montefeltro

Oggi  18 dicembre 2017 ore 17,00 presso la sala del consiglio comunale di Sassocorvaro  si terrà un’assemblea cittadina,   promossa da Cgil Cisl e Uil della provincia di Pesaro- Urbino unitamente alle rispettive federazioni di categoria e dei pensionati, riguardo lo stato di “salute” del servizio sanitario  e del diritto  alla salute e alla cura dei cittadini dell’alto Montefeltro . «La situazione di Sassocorvaro e dei comuni limitrofi, area già fortemente disagiata sotto ogni profilo, è emblematica– spiegano in una nota i sindacati –  In quell’Ospedale opera già da un anno la rete di imprese Villa Montefeltro srl, costituita da tre gestori privati della sanità marchigiana, dopo che nel novembre 2015 fu chiusa in fretta e furia, con delibera di giunta regionale, l’esperienza della sperimentazione gestionale costituita da Montefeltro Salute srl, società mista pubblico privato costituitasi nel lontano 2003 con esiti quanto meno discutibili. – proseguono–  La chiusura di reparti e servizi dell’Ospedale di Sassocorvaro, avvenuta a inizio 2016, ,ha messo in seria difficoltà la comunità di quei territori, soprattutto per il mancato potenziamento dell’Ospedale di Urbino ma anche perché molti dei servizi promessi a tutt’oggi o non sono stati attivati o lo sono solo parzialmente.. Sassocorvaro, quindi, come territorio simbolo della spoliazione dei servizi sanitari della nostra provincia e come ospedale simbolo di un rapporto coi gestori privati convenzionati che, ancora oggi appare del tutto sganciato da qualsiasi percorso di confronto condiviso e da una programmazione sanitaria chiara e trasparente.»

All’assemblea, aperta alla cittadinanza e agli operatori sanitari, sono stati invitati  ad intervenire  i Sindaci del territorio  e i vertici della sanità dell’Area Vasta n.1.

 

sassocorvaro

 

12/12/17