Archivio della categoria: Documenti

Fondi europei, firmato il protocollo sulle politiche di coesione

bandiera_ue2_big

Regione Marche e soggetti del partenariato economico e sociale si incontreranno con continuità per gestire la progettazione. Presto la convocazione del primo incontro. Per la Cisl un risultato importante

Macroregione Adriatico Ionica: la Commissione lancia ufficialmente la comunicazione e il piano d’azione

mappa macro regione adriatico ionica

La Commissione europea ha lanciato ufficialmente una nuova strategia dell’UE per la regione adriatica e ionica sotto forma di una comunicazione e di un piano d’azione per aiutare i suoi 70 milioni di cittadini a trarre vantaggio da una più stretta cooperazione in settori come la promozione dell’economia marittima, la protezione dell’ambiente marino, il completamento […]

Meno tasse sul salario di produttività

forex1

Leggi e scarica il volantino con le regole di applicazione dell’agevolazione per il 2014

Accordo tra Sindacati e Centrali cooperative

cooperazione_530_400

Lavoro, sviluppo cooperativo, tutela dei soci dipendenti, sistema degli appalti, gestione dei fondi UE. Un accordo importante a favore dell’occupazione

Al via le prime misure anticrisi previste dall’ Intesa sulle politiche di bilancio 2014 a sostegno del lavoro e della coesione sociale, siglata dalla Regione Marche e dalle Segreterie Regionali Cgil-Cisl-Uil Marche il 13 dicembre 2013:

Esenzione dai ticket per lavoratori e familiari colpiti dalla crisi

Contributi alle imprese escluse dal campo di applicazione della Cigs che stipulano contratti di solidarietà espansiva al fine di evitare licenziamenti

Contributi a  sostegno del diritto allo studio universitario ai figli di lavoratori o studenti lavoratori in crisi o difficoltà lavorativa

Sostegno alla realizzazione di progetti a favore di docenti e personale Ata precari

 

Firmato il protocollo sulla riorganizzazione della sanità

indagini_sanità_a

Previsti percorsi di qualificazione del personale, investimenti sui servizi territoriali e azioni per contenere la mobilità passiva e i tempi d’attesa. Rafforzati gli strumenti di partecipazione.