Archivio della categoria: ast Tolentino-Camerino

Telefonia: le agevolazioni per le popolazioni colpite dal terremoto

compagnia-telefonica

L’Agcom ha emanato la delibera 235/17/CONS contenente le agevolazioni di telefonia fissa e mobile per le popolazioni colpite dagli eventi sismici dell’agosto e ottobre 2016. Per quanto riguarda le utenze di telefonia fissa, le fatture sospese saranno stornate per i mesi in cui non è stata registrata nessuna attività sulla linea. Quanto alle fatture dovute, quelle […]

8 Marzo 2017, Le donne sono il cuore dell’economia europea #NoViolenza #Paritàsalariale

banner-Manifesto-8-marzo-2017-FB

Lo slogan “Le donne sono il cuore dell’economia europea” è stato rafforzato con l’uso degli hashtags #Noviolenza e #Paritàsalariale per richiamare ancora una volta l’attenzione delle istituzioni e del Governo su questioni che oltre a ledere i diritti delle donne nell’immediato ne protrae gli effetti negativi nel tempo.

5 Minuti Cisl: Ricostruire la Comunità – Integrazione Inrca e Ospedale di Osimo

1 (1)

“Ricostruire le comunità” a Castelraimondo: esperienze e prospettive a confronto per i territori colpiti dal sisma. Le interviste a Silvia Spinaci, responsabile Ast Macerata; Francesca Basha, studentessa Unicam; Luciana Salvucci, dirigente scolastica;Corrado Grandoni, allevatore locale e Paolo Isabettini, associazione Daje Marche. Integrazione Inrca e Ospedale di Osimo, dopo il primo incontro tra sindacati e Asur, […]

Ricostruire le comunità: esperienze e prospettive per i territori colpiti dal sisma

ricostruire comunita

Venerdì 20 gennaio convegno a Castelraimondo con i protagonisti del lavoro e delle istituzioni per mettere a fuoco progetti e strategie per mettere la persona al centro della ricostruzione

Servizi socio sanitari, il maceratese è in ginocchio. Serve unità tra istituzioni e forze sociali

ospedale-terremoto

L’impatto del sisma sui servizi socio sanitari e assistenziali è devastante. Più di 300 gli utenti coinvolti. A rischio anche i servizi domiciliari. Serve lungimiranza e coesione dei sindaci, a partire dal dibattito sull’ospedale unico.

Sanità post sisma: tante problematiche, serve il confronto

ospedale-tolentino-2

Il sisma ha distrutto o reso inagibili la buona parte delle strutture residenziali dell’entroterra maceratese. Secondo la CISL, è fondamentale che la Direzione dell’Area Vasta 3 si impegni a mantenere alto e costante il livello di confronto con le forze sociali, per individuare meglio i bisogni dei cittadini e definire risposte efficaci e condivise, anche alla luce della situazione particolare dei lavoratori, che con dedizione stanno sostenendo maggiori carichi di lavoro pur trovandosi spesso in condizioni personali difficili proprio a causa del terremoto.

Sindacati,associazioni di categoria e Confindustria Marche a sostegno di Unicam

2873b871-05c0-4ac7-94e9-597406c25e09

“Era importante che anche le parti sociali, sindacati e associazioni di categoria – ha dichiarato il Segretario Generale di Cisl Marche Stefano Mastrovincenzo – fossero vicine all’Università di Camerino. Siamo convinti che l’Università di Camerino sia una infrastruttura della cultura e della conoscenza strategica per questo territorio e per la rinascita di tutta l’area interna: per questo ci siamo impegnati a un monitoraggio costante e a incontri periodici, nonché a sostenere, con una sottoscrizione che stiamo facendo in tutta Italia, progetti di sviluppo e di consolidamento dell’Università di Camerino”.

Pensionati maceratesi in Assemblea su previdenza e sanità

img-20161018-wa0006

Circa 130 persone hanno partecipato all’Assemblea unitaria organizzata dai sindacati dei pensionati SPI FNP e UILP di Macerata. Si è parlato dell’intesa Governo – Sindacati sulla previdenza e dello stato del confronto con la Regione Marche sulla sanità e sulle politiche socio sanitarie

Distretti turistici: è la Regione che si dimentica di Macerata o Macerata che non si fa valere?

images

E’ ufficiale l’intera provincia di Macerata, ad eccezione di pochi comuni, è fuori da qualsiasi distretto turistico. Un’esclusione pesante perché compromette la possibilità del territorio di sviluppare il sistema turistico attraverso l’accesso a investimenti, incentivi, filiere di credito, agevolazioni fiscali e progetti pilota.