Archivio tag: Asur

Cure domiciliari: l’Asur fermi la privatizzazione ed apra il confronto

cure-domiciliari

Trascorsi appena due mesi dalla ripresa del confronto sulla riorganizzazione della sanità regionale, le Segreterie confederali di CGIL CISL UIL Marche si trovano costrette a denunciare un incomprensibile colpo di mano operato dall’ASUR. Con Determina del Direttore generale n. 550 del 29 settembre scorso l’Azienda unica ha emesso un bando di gara per l’affidamento del […]

Cgil Cisl e Uil chiedono un confronto sul futuro della sanità anconetana

sanità

Una serie di temi su cui è necessario un confronto di merito per garantire il futuro della sanità anconetana. Su questo,  le segreterie provinciali di Cgil, Cisl e Uil hanno richiesto un incontro con il presidente della conferenza dei sindaci di Area vasta 2, con il presidente della Regione e con i direttori generale Asur […]

Quale sistema salute e quale sanità nelle Marche

photo6017154340684409255

Cgil Cisl Uil Marche denunciano l’evidente distanza che sussiste tra i bisogni di salute dei cittadini – che evolvono insieme ad un contesto demografico ed epidemiologico in cui aumenta l’incidenza della cronicità e delle fragilità – e le risposte che questi ottengono dal servizio sanitario marchigiano. In questo quadro risulta incomprensibile la costante indisponibilità della […]

Nuovo Inrca: primo incontro tra sindacati e i vertici dell’Asur sull’integrazione con l’ospedale di Osimo

invito-posa-prima-pietra-inrca-lunedi-9-giugno-2014

Al centro del dibattito, un cammino che si porta dietro incognite e dubbi sul futuro assetto della struttura, di cui non tuttora non si conoscono la natura di giuridica, i servizi e lo status del personale, ma anche su come sarà possibile conciliare le esigenze di un bacino d’utenza ampio e omogeneo che fa riferimento oggi all’Ospedale di Osimo (attorno a 100 mila abitanti) con le peculiarità di un IRCCS a vocazione geriatrica

Area Vasta 5: servizi sanitari insufficienti e dubbi sulle strategie nel Piceno

1496761-lospedale-mazzoni-di-ascoli-piceno[1] (600 x 450)

SPI CGIL FNP CISL UILP UIL esprimono profonda preoccupazione e disappunto per la condizione di marginalità e abbandono in cui versa il territorio piceno dell’AV5 in materia di servizi sanitari: il mancato aumento dei posti letto si accompagna alla mancanza di un progetto sulla rete ospedaliera. Critica la situazione sui tempi di attesa, che in alcuni casi raggiungono i 268 giorni

Integrazione Inrca – Ospedale di Osimo: nessun confronto sul personale

invito-posa-prima-pietra-inrca-lunedi-9-giugno-2014

CISL FP Marche esprime forte preoccupazione per il contenuto dell’accordo operativo, che prevede l’avvio del processo di integrazione tra l’INRCA e l’Ospedale di Osimo. Nessun riferimento ad un confronto preventivo con le Organizzazioni Sindacali e le RSU su eventuali spostamenti di personale, né agli accordi già sottoscritti come ad esempio mobilità del personale, relazioni sindacali, indennità, vigenti nelle due aziende

Sanità Marche, la Regione scippa la contrattazione in Area Vasta. Sindacati sul piede di guerra

sanità

«Alla vigilia di Natale, il Consiglio Regionale, all’interno della proposta di legge n.25, in tema di sanità ha stravolto il sistema di contrattazione della Aree Vaste e l’assegnazione del personale all’ASUR, facendo passare questa operazione per mera “manutenzione legislativa”» denunciano Cgil,Cisl, Uil Marche e i sindacati di categoria Fp Cgil, FpCisl e Uilp Uil Marche.I sindacati respingono al mittente questo brutto “regalo” di Natale, volutamente nascosto all’interno di un provvedimento approvato alla vigilia delle feste, quando i riflettori erano puntati sul Bilancio, e denunciano, oltre alla gravissima scorrettezza nel metodo, la superficialità, l’assenza di organicità e il profilo di illegittimità, del provvedimento.Cgil,Cisl, Uil Marche e Fp Cgil, Fp Cisl e Uilp Uil Marche chiedono alla Regione di ritirare il provvedimento che risulta essere un vero e proprio schiaffo ai lavoratori e alle loro rappresentanze sindacali e per sostenere questa richiesta lanceranno una specifica campagna di mobilitazione di tutti gli operatori sanitari con il coinvolgimento delle istituzioni locali e dei cittadini.