Archivio tag: Fim Cisl

Crisi Ragaini Radiatori: nuovo sciopero e corteo a Loreto

azienda_ragaini_adhoc

Fim, Fiom, Uilm e le Rsu Ragaini Radiatori hanno proclamato – domani mercoledì 12 luglio a partire dalle ore 5,00 – un’ulteriore giornata di sciopero, con presidio dei lavoratori davanti i cancelli della fabbrica di Loreto, per poi proseguire in corteo fino alla prima rotatoria verso la città di Loreto (ore 9,00 circa ) . […]

Crisi Ragaini: venerdì 23 giugno sciopero e incontro in Prefettura

WhatsApp Image 2017-06-14 at 13.02.51

Prosegue la mobilitazione  lavoratori della Ragaini di Loreto per fermare i 166 licenziamenti annunciati nelle scorse settimane. Venerdì 23 giugno terza giornata di sciopero di otto ore e manifestazione a partire dalle ore  9.30, sotto la Prefettura di Ancona, durante l’incontro, convocato dal  Prefetto, tra il Sindaco di Loreto, i rappresentanti della Regione Marche e l’Azienda […]

Ragaini Radiatori: domani primo giorno di sciopero. Annullato il corteo

azienda_ragaini_adhoc

Prosegue la mobilitazione dei lavoratori della Ragaini Radiatori di Loreto, contro i 166 licenziamenti su un totale di 320 maestranze, annunciati dall’azienda. Domani 6 giugno 2017, prima giornata di sciopero del pacchetto di 20 ore proclamato da Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil, in assemblea con i lavoratori la scorsa settimana. A partire dalle […]

5 Minuti Cisl : Sciopero alla Ragaini Radiatori di Loreto – Donne&Lavoro

1

Vertenza alla Ragaini Radiatori di Loreto, aperta la procedura di licenziamento collettivo per 166 licenziamenti su un totale di 320. Fim Cisl insieme a Fiom Cgil e Uilm Uil proclamano 20 ore di sciopero. Le interviste a Filippo Franchini, Rsu Fim Cisl Ragaini Radiatori e Danilo Capogrossi, Fim Cisl Marche. “Donne & Lavoro. Nella Regione […]

Ragaini annuncia 166 licenziamenti: sindacati sul piede di guerra

azienda_ragaini_adhoc

La Ragaini Radiatori di Loreto, che produce radiatori in alluminio per il mercato europeo, ha comunicato alle organizzazioni sindacali ed alla Rsu, ieri 22 maggio, l’avvio di una procedura di licenziamento collettivo per 166 dipendenti su 320 attualmente in forza. L’azienda, che è da tempo in crisi, ha già utilizzato quasi interamente gli ammortizzatori sociali […]

Festa del lavoro sostenibile e del consumo critico e responsabile

MOBeticolocandina 2017 top

FIM Cisl Nazionale e NeXt – Nuova Economia X Tutti ancora insieme per festeggiare l’Italia che lavora in modo sostenibile e responsabile. Appuntamento il 29 aprile a Muccia – comune diventato zona rossa dopo il sisma del 2016 – che apre i suoi giardini pubblici alle imprese locali sostenibili premiandole con acquisti consapevoli e supportando […]

Leonardo Bartolucci, riconfermato al vertice della Fim Cisl Marche

46c8523c-6633-4f99-a289-bf9b5859c1ea

Leonardo Bartolucci  è stato rieletto segretario generale della Fim Cisl Marche, nel tardo pomeriggio di oggi,   a Camerino, al termine del X Congresso regionale del sindacato dei metalmeccanici della Cisl.  Una nuvola di colori, con la  performance “Colora la Vita” del  Gruppo Giovani Avis Marche, e la  testimonianza  di Francesco Orazi, delegato Fim alla […]

Tecnowind: dal tavolo al Mise l’ipotesi del concordato preventivo

Tecnowind-Fabriano-2016

Nella giornata di ieri, martedì 11 aprile, si è svolto presso il Ministero dello Sviluppo Economico il primo tavolo di insediamento per la vertenza Tecnowind dal quale è emersa con chiarezza la volontà dell’azienda di partecipare ad un concordato preventivo in bianco. Il piano industriale, che comunque non è stato presentato, prevederebbe l’impostazione della cessione […]

Sbloccati gli stipendi alla Tecnowind. Riprende il lavoro, ma la vertenza continua

17156184_10208088787633069_4786210068918584043_n

Le parti hanno trovato l’accordo per far tornare al lavoro 90 dei 285 dipendenti dello stabilimento di Melano; inoltre, saranno versati quasi per intero entro fine mese gli stipendi arretrati. Gli istituti di credito, però, hanno ritenuto insufficiente l’offerta di acquisto da parte di un fondo europeo e hanno confermato che al momento non ci saranno anticipi di cassa per venire incontro alle esigenze produttive. Potrebbe dunque concretizzarsi l’ipotesi di un concordato preventivo che garantisca la continuità.