• Home/
  • Federazioni/
  • Servizi/
  • FIT - TRASPORTI

FIT - TRASPORTI

Chi siamo

Autotrasporto, merci-logistica, portuali, addetti alla nettezza urbana, trasporto pubblico locale, autisti bus, controllori, ferrovieri, lavoratori del trasporto aereo, assistenti di volo, controllori, personale di terra e piloti, marittimi, personale Anas ed Autostrade.

Sede regionale:
Via Marconi, 58 - 601xx Ancona
Tel: 071 5923373 - 071 5923224
Fax:
Email: fit_reg_marche@cisl.it
Via Marconi, 58 - 60126 Ancona
Lun Mar Mer Gio Ven Sab
08:30-13:00
08:30-13:00
08:30-13:00
08:30-13:00
08:30-13:00
-

Le ultime notizie

17/07/2019 24 Luglio Sciopero nazionale trasporto pubblico, nelle Marche autobus fermi e presidio dei lavoratori ad Ancona
Filt Cgil, Fit Cisl  e Uilt Uil  hanno proclamato per mercoledì 24 Luglio 4 ore di sciopero nazionale  del settore trasporti . Il fermo nelle Marche  sarà   dalle ore 11,30 alle ore 15,30,   con presidio dei lavoratori presso la Prefettura di Ancona, in piazza del Plebiscito, a partire dalle ore 11,30. «Ad oltre un anno dal suo insediamento è arrivato il momento di richiamare il Governo alle sue responsabilità rispetto al settore. Un esecutivo che ha scelto di non aprire alcun tipo di confronto strutturato con il  sindacato dei trasporti e che non accenna a compiere le scelte necessarie rispetto al sistema complessivo di trasporto, delle infrastrutture esistenti e da programmare, di regole per il corretto funzionamento della mobilità di persone e di merci. - affermano i sindacati di categoria -  Le criticità non risolte dei vari segmenti del settore stanno infatti determinando una perdita di efficienza del sistema produttivo italiano e stanno compromettendo il futuro delle lavoratrici e dei lavoratori dei trasporti, con il rischio di ulteriori perdite di posti di lavoro qualora non si intervenisse rapidamente. In questo quadro diventa complesso anche il rinnovo di contratti nazionali in grado di dare certezze normative e recupero salariale.» - rilanciano Filt Cgil, Fit Cisl  e Uilt Uil  - «Per questo ci fermiamo! Tutti! Assieme! Per far valere le nostre idee e per valorizzare il lavoro che quotidianamente facciamo. Lo facciamo perché senza il lavoro di centinaia di migliaia di lavoratori in condizioni spesso difficili, non c’è futuro per il Paese. Lo facciamo per: una coerente e stabile politica delle infrastrutture che sono il principale moltiplicatore del benessere economico, sociale ed ambientale di uno Stato; una politica dei trasporti che non sia solo considerata spesa pubblica ma investimento sulla competitività del territorio e sua vivibilità;  regole chiare e trasparenti, che impediscano la concorrenza al ribasso tra le imprese e che diano priorità alla sicurezza, alla regolarità e alla tutela ambientale; nuove e più equilibrate regole sul diritto di sciopero che non tengano ostaggio i cittadini di poche e piccole sigle sindacali e che però obblighino le imprese a rispettare gli accordi; avviare il confronto con il Governo. Senza il coinvolgimento dei lavoratori non si fanno passi avanti.»  Uno sciopero nazionale delle lavoratrici e dei lavoratori del Trasporto Pubblico Locale per:  chiedere risorse certe per stabilizzare realmente il fondo nazionale trasporti prevedendone l’adeguamento agli indici inflattivi, superando le rigide regole di penalizzazione per le regioni che non efficientano e riprogrammano i servizi; per introdurre un sistema di riconoscimento di premialità concrete; ripristinare i 50 mln degli oneri per le indennità di malattia degli autoferrotranvieri; rendere strutturali i finanziamenti per il settore: reagire con forza ai continui attacchi all’esercizio del diritto di sciopero; pretendere il diritto alla sicurezza per dire basta alle continue aggressioni ai danni del personale e per l’apertura di un tavolo interministeriale permanente sulla sicurezza; chiedere con forza il rispetto della legge (art.48 DL n.50/2017 ss.mm.ii.), messa in discussione dalla delibera dell’Autorità Regolamentazione Trasporti 143/2018, in tema di clausola sociale nei bandi di gara, al fine di garantire l’occupazione in caso di cambiamento del gestore del servizio; rilanciare gli investimenti per le infrastrutture, con un programma strategico pluriennale soggetto a monitoraggio, connettendo le aree interne, per l’acquisto di mezzi di trasporto di qualità e compatibili sul piano della tutela ambientale per una mobilità più sicura per utenti e lavoratori; avviare il confronto per il rinnovo del CCNL Mobilità-TPL per ridurre i rischi di gap normativo e salariale e per tutelare l’occupazione.            
Continua a leggere
05/07/2019 Arriva l'accordo con Trenitalia, Fit Cisl revoca lo sciopero
E' stato revocato lo sciopero, programmato per domenica 7 luglio dalle 10,00 alle 18,00  del personale mobile della Direzione Passeggeri Regionale Marche di Trenitalia, indetto nei giorni scorsi dalla Fit Cisl Marche  per i  turni gravosi di macchinisti e capotreni. Negli ultimi giorni si sono susseguiti numerosi incontri con la Direzione Regionale Marche per trovare un accordo condiviso sulla modifica dei turni del Pdb/PdM. Dopo ampio confronto il 5 luglio è stato sottoscritto un accordo firmato da tutte le sigle che prevede:  1.     Il recepimento di tutte le proposte bordo e macchina avanzate dalle RSU e  condivise da tutte le OO.SS. 2.     I due servizi, in cui inizialmente erano graficate ad agente solo in fascia notturna, sia attività accessorie che di riserva, ora prevedono esclusivamente attività di prove funzionali a doppio agente. 3.     E’ stata inserita una riga di riserva pulita in più dalle 0.00 alle 7.00 (fuori turno 7/7) così da garantire la copertura delle intere 24 ore con personale di riserva.  Tali miglioramenti entreranno in vigore dal 8 settembre p.v. Inoltre, si legge in una nota sindacale : « per quanto riguarda le problematiche della logistica (refezione, salette, rfr, ecc…) molto sentite dal personale, si è già stabilito un incontro il giorno 30/07 p.v. .La società si è infine impegnata, sin dalla prossima turnazione di dicembre, a consegnare alle segreterie ed alle RSU le righe base con congruo anticipo così da poterci lavorare unitariamente. - concludono i sindacati di categoria- Crediamo che l’aver trovato una sintesi unitaria con un accordo che ha visto soddisfatte le richieste di tutti sia un ottimo risultato, da leggersi anche e soprattutto in ottica futura per l’avvio dei prossimi turni invernali nei quali è passato il concetto che nei servizi di riserva non siano previste attività di prove funzionali programmate e migliorando così le condizioni di lavoro del personale.»  Inoltre le OO.SS./RSU sono compatte ed impegnate nel mantenere l’Impianto di Fabriano. 
Continua a leggere
11/06/2019 Confronto Autorità di Sistema Portuale - Sindacati: la sicurezza al centro
Confermare il tema della sicurezza al centro delle attività produttive, in particolare quelle portuali, coinvolgendo tutti gli operatori del cluster marittimo. Questa la sintesi del confronto fra Autorità di sistema portuale e sindacati che si è svolto nella sede dell'Adsp ad Ancona. Nell'incontro, presenti il presidente dell'Autorità di sistema portuale Rodolfo Giampieri e il segretario generale Matteo Paroli, i rappresentanti dei sindacati confederali Cgil, Cisl, Uil e di categoria Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, Rls di sito, è stato sottolineato il valore della sicurezza come fattore culturale e la necessità che si continui a diffondere e sensibilizzare sia le imprese sia i lavoratori anche attraverso l'organizzazione di un evento specifico e periodico in tema di sicurezza.  Il tema, hanno condiviso Adsp e sindacati, non è da legare ad un momento fortemente emozionale come questo, per l'incidente sul lavoro in cui ha perso purtroppo la vita Luca Rizzeri, ma è legato ad una necessità di approfondimento anche culturale su questa materia, per continuare a tenerla viva e presente fra tutti coloro che operano e lavorano nel porto di Ancona. Da questa condivisione, sindacati e Autorità di sistema portuale hanno ipotizzato la costituzione di un "Osservatorio permanente sulla sicurezza" con la partecipazione di tutto il cluster portuale, che dovrà avere l'obiettivo di analizzare criticità, condividere analisi e proporre soluzioni.  Ciò affinché la crescita economica del porto dorico sia sempre accompagnata da una profonda e forte attenzione ai temi legati alla sicurezza sul lavoro proprio perché nessun piano di impresa o di sviluppo debba prescindere da questa priorità. Si è inoltre deciso che all'inizio delle esequie di Luca Rizzeri, tutte le sirene del porto suoneranno e, in segno di lutto, si bloccheranno simbolicamente per un minuto tutte le attività portuali.   
Continua a leggere
10/06/2019 Incidente mortale al porto di Ancona, Fit Cisl Marche: “Basta stragi sul lavoro, chiediamo più sicurezza e controlli”
Un agente marittimo è morto stamattina al Porto di Ancona, colpito al collo da un cavo spezzatosi durante l'ormeggio di una nave alla banchina.  «La sicurezza è diventata una emergenza, non possiamo fermare queste stragi solo con le parole, ci vogliono fatti concreti a partire dai controlli e dalla cultura della sicurezza che non può essere considerata un costo ma un'opportunità di dignità per le persone che operano negli ambienti di lavoro - è il commento di Roberto Ascani, Segretario Generale Fit-Cisl Marche -. Dobbiamo esercitare una maggiore pressione sulla società civile, sulle Istituzioni e sugli Enti preposti affinché si mettano in campo tutti gli accorgimenti possibili per scongiurare queste tragedie». La Fit Cisl Marche esprime le più sincere condoglianze ai familiari del lavoratore deceduto. «Non possiamo aggiungere vittime ad altre vittime - prosegue Ascani -. Dobbiamo dire basta a questo stato di cose», ha concluso, auspicando che la magistratura faccia in fretta ad individuare le responsabilità e fare il suo corso. I Sindacati di categoria hanno indetto un'ora di sciopero dei lavoratori del Porto domani, martedì 11 giugno, dalle 11.00 alle 12.00 con presidio di fronte alla sede dell'Autorità Portuale https://www.corriere.it/cronache/19_giugno_10/ancona-incidente-mortale-porto-muore-operaio-33-anni-150805cc-8b72-11e9-89a9-d9b502b0b46e.shtml https://www.lastampa.it/2019/06/10/italia/si-spezza-il-cavo-di-attracco-al-porto-colpo-di-frusta-uccide-un-portuale-sulla-banchina-ad-ancona-D0yLmeqLvDNbQzcWEy3TPP/pagina.html    
Continua a leggere
05/06/2019 Aerdorica: incontro Regione - Sindacati
Il servizio del Tgr Rai Marche con intervista a Roberto Ascani, Segretario generale Fit Cisl Marche
Continua a leggere
27/05/2019 FOCUS LAVORO Sciopero trasporto aereo - La regionalizzazione dell’istruzione pubblica
Sciopero nazionale e regionale del trasporto aereo indetto dai sindacati di categoria.Futuro incerto per i lavoratori dello scalo marchigiano. Interviste a Walter Serini, settore sicurezza Aerdorica Rsu Fit Cisl e Roberto Ascani, Segretario generale Fit Cisl Marche. "Quale autonomia? La regionalizzazione dell’istruzione pubblica" Tavola Rotonda  ad Ancona promossa da Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola Rua. Interviste a Maddalena Gissi, Segretaria generale nazionale Cisl Scuola, Anna Bartolini, Segretaria generale Cisl Scuola Marche e al prof. Giovanni Di Cosimo, Ordinario Diritto Costituzionale Università di Macerata.  
Continua a leggere
23/05/2019 Porti: Sindacati, altissima adesione sciopero. Rinnovo contratto priorità irrinunciabile
«È altissima l'adesione allo sciopero di 24 ore dei lavoratori portuali ed è ampissima la partecipazione ai presidi e alle manifestazioni organizzate da ogni porto». Ne danno notizia i segretari nazionali della Filt Cgil Natale Colombo, della Fit Cisl Maurizio Diamante e della Uiltrasporti Marco Odone sull'andamento della protesta organizzata per l'intera giornata in tutti gli scali del Paese, spiegando che «è un'azione importante e utile manifestare apertamente ed attraverso la voce dei lavoratori la fase di stallo del rinnovo contrattuale». Per Colombo, Diamante ed Odone infine «il contratto e la necessità di adeguarlo ai nuovi bisogni e le regole necessarie a salvaguardare l'occupazione e la professionalità del lavoro portuale restano punti irrinunciabili per il sindacato». Lo sciopero è stato indetto dai sindacati di categoria «per la fase di stallo, dovuta alla indisponibilità datoriale, nella trattativa per il rinnovo del contratto nazionale del settore». «Il Ccnl unico di settore, in quanto valore insostituibile di regolazione e di tutela - spiegano le organizzazioni sindacali - è uno dei temi centrali alla base della vertenza a salvaguardia del lavoro portuale e delle proprie specificità. Oggi nei mutamenti in atto nei porti italiani, con la partecipazione di compagnie di navigazione e fondi finanziari negli assetti delle imprese terminaliste, la strategia è rivolta a ricavare tagli di costo nelle filiere di trasporto a spese dei lavoratori portuali e delle condizioni di lavoro e di sicurezza. Una situazione - spiegano infine Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti - ignorata dal Governo che elude ogni richiesta di confronto con le organizzazioni sindacali e trascurata da molti presidenti delle Autorità di Sistema Portuale che non svolgono il previsto ruolo di garanti nel funzionamento dei porti, che sono infrastrutture pubbliche perni del sistema paese».
Continua a leggere
21/05/2019 Aerdorica: confronto Regione - Sindacati il 3 giugno
Oggi, alla conferenza stampa, i sindacati di categoria FILT CGIL -FIT CISL-UILTRASPORTI hanno informato gli organi di stampa di aver ricevuto dal presidente della Regione disponibilità al confronto per il  3 giugno 2019 dopo l'annunciata mobilitazione di oggi che riguarda  sia tematiche  generali del trasporto aereo come crisi del settore, il  mancato finanziamento del fondo del trasporto aereo e  la vertenza Alitalia ma che ha anche una valenza locale quando si parla del futuro delle maestranze occupate presso il Sanzio, l'imminente omologa e la conseguente privatizzazione dell'infrastruttura . Il futuro degli 89  lavoratori dello scalo marchigiano è molto incerto e, nonostante le rassicurazioni dei mesi scorsi ,da parte di tutti i soggetti , gli incontri sindacali  fatti  recentemente con il nuovo Amministratore Unico Ing. Bassetti evidenziano il perdurare di una strategia aziendale basata sulla riduzione del costo del lavoro senza un piano industriale dettagliato dove si indichi quale sviluppo  imprimere all' infrastruttura.  I sindacati hanno chiesto di verificare gli ammortizzatori che si possono spendere dopo il contratto di solidarietà e solo dopo la stagione estiva; auspicano, se necessario, il ricorso ad ulteriori forme di sostegno al reddito, adeguate al traffico aereo portuale futuro. Inoltre, l'autunno con i voli su Shangai e Shenzen potrebbero fare la differenza e  abbassare di molto i numeri degli esuberi che invece la società vuole attuare. I sindacati intendono scongiurare gli esuberi ma si intravede  il tentativo di procedere a sostituire lavoratori con anzianità di servizio piuttosto alte con lavoro precario e sotto pagato anche attraverso stage formativi .L' alternativa ai licenziamenti, secondo il sindacato di categoria, passa attraverso il protocollo di intesa con la Regione per la ricollocazione dei lavoratori in altre società partecipate. Per quanto riguarda gli esodi incentivati, le proposte dell' amministratore unico di Aerdorica sono giudicate assolutamente insufficienti per coprire anni di contribuzione al raggiungimento della pensione di molti degli operatori di Aerdorica.     
Continua a leggere
20/05/2019 Trasporto aereo: sciopero il 21 maggio
Martedì 21 maggio scioperano personale di terra, piloti e assistenti di volo del settore del trasporto aereo. L'azione di sciopero si rende inevitabile a fronte delle seguenti criticità irrisolte: Rinnovo del CCNL che deve essere equiparato ai nuovi livelli del mercato, creando un sistema certo diappalti/subappalti che applicando a tutto il perimetro il CCNL di settore del Trasporto Aereo, non possapiù generare situazioni di Dumping. Previsione della clausola sociale affinché sia esigibile tra tutti gli operatori del settore e che garantisca gli stessi diritti normo/retributivi a coloro che devono migrare da un'azienda all'altra per seguirel'attività svolta. Riforma del Trasporto Aereo in termini di regole e di concorrenza per eliminare le asimmetrie competitive che, ancora oggi,creano dumping tra le compagnie aeree che operano in Italia. NewCo Alitalia e futuro Piano Industriale che dovrà consentire il rilancio e la crescita con investimenti adeguati, in particolare modo sulla flotta di Lungo Raggio della quale, ad oggi, non si hanno certezze. Impegno del Governo affinché sia assicurato l'attuale perimetro aziendale in ogni area contrattuale, salvaguardando le professionalità esistenti e prevedendo la manutenzione ed i servizi di Handling come aree di business altrettanto strategiche. Fondo Di Solidarietà del Trasporto Aereo che dovrà essere finanziato strutturalmente per consentire il sostegno all'occupazione ed alla riqualificazione di tutto il personale del trasporto aereo. Norma legislativa anti dumping contrattuale che garantisca il CCNL del settore come minimo normoretributivo applicabile nel settore che il Governo deve emanare come si è impegnato a fare. Queste sono, a nostro avviso, le motivazioni per le quali tutto il personale del settore. SCIOPERA IL 21 MAGGIO! Non c'è più tempo per attendere! Il segnale a chi ha in mano il futuro di Alitalia e del Trasporto Aereo Italiano deve essere mandato ora, forte e chiaro! I Dipartimenti Nazionali Trasporto Aereo Fil T CGIL FIT CISL Ull TRASPORTI UGL T.A.
Continua a leggere
03/04/2019 III^ edizione Concorso per le Scuole "Nico Piras - Sono Stato io"
Il 15 aprile è il termine ultimo per prendere parte alla terza edizione del concorso "Nico Piras - Sono Stato io", organizzato da Fit-Cisl, con il patrocinio del Ministero e dei Trasporti e la collaborazione del Ministero dell'Istruzione. Il concorso è aperto agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, i quali possono partecipare inviando alla Fit-Cisl fumetti o spot audio-video che approfondiscano il tema del rispetto dei mezzi pubblici di trasporto, delle pensiline, delle stazioni e delle autostazioni e di tutti gli operatori della mobilità. Per i migliori lavori sono previsti buoni libri per un valore che va dai 250 ai 500 euro, mountain bike e notebook per le scuole. Tutte le informazioni e il bando sono pubblicati sul sito www.sonostatoio.com. Afferma Roberto Ascani, Segretario generale della Fit-Cisl Marche : «Il concorso nasce per diffondere tra le nuove generazioni la cultura del rispetto del lavoro delle persone che operano nei servizi di trasporto e dei mezzi e ambienti pubblici. È un errore imputare solo alla politica o agli addetti ai lavori le condizioni di degrado in cui spesso versano i sistemi di trasporto: ognuno deve fare la propria parte, anche chi utilizza il servizio. Vorremmo che non fosse più necessario ricorrere alle già scarse risorse pubbliche a disposizione per rimediare ai tanti atti di vandalismo, in modo da impiegarle piuttosto per nuovi investimenti e nuovi mezzi».
Continua a leggere