• Home/
  • Categorie sindacali/
  • Servizi/
  • FIT - TRASPORTI

FIT - TRASPORTI

Chi siamo

Autotrasporto, merci-logistica, portuali, addetti alla nettezza urbana, trasporto pubblico locale, autisti bus, controllori, ferrovieri, lavoratori del trasporto aereo, assistenti di volo, controllori, personale di terra e piloti, marittimi, personale Anas ed Autostrade.

Daniela Rossi Segretaria Generale  Fit Cisl Marche

Segreteria

Mostra di più...

DANIELA ROSSI

Segretario Generale

mail: daniela.rossi@cisl.it

Dichiarazioni anno:

2019 2020

FABRIZIO COSTANTINI

Segretario Generale Aggiunto

mail: costantinisasp@virgilio.it

Dichiarazioni anno:

2019 2020

CLAUDIO GIULIANI

Segretario Regionale

mail: claudio.giuliani@cisl.it

Dichiarazioni anno:

2020

Sede regionale:

Via Marconi, 58 - 60125 Ancona
Tel: 071 5923373 - 071 5923224
Fax:
Email: fit_reg_marche@cisl.it
Pec: fit.cisl.marche@pec.it
Via Marconi, 58 - 60125 Ancona
Lun Mar Mer Gio Ven Sab
08:30-13:00
08:30-13:00
08:30-13:00
08:30-13:00
08:30-13:00
-

Le ultime notizie

18/01/2022 Aggressioni sul bus: i sindacati di categoria chiedono di mettere fine ad episodi incresciosi
Le Segreterie Regionali dei sindacati dei trasporti FILT.Cgil, FIT.Cisl, UILtrasporti, FAISA.Cisal, UGL Autoferro hanno pubblicato una nota in seguito all'ennesimo episodio di aggressione ai danni di un autista del trasporto pubblico locale, avvenuto ad Ancona a bordo di un mezzo della linea C. «Fino a quando si potrà tollerare questa situazione? Così non si può più andare avanti - dichiarano i sindacati -. Oramai il trasporto pubblico locale è diventato il Far West, dove non ci sono più regole e dove ci si può permettere di tutto. L’episodio di qualche giorno fa è gravissimo e denota un pericoloso salto di qualità nei comportamenti di questi gruppi organizzati di adolescenti e non, nel voler dimostrare anche attraverso l’utilizzo dei social network, che possono fare tutto ciò che vogliono, come se fosse tutto un gioco e non la triste realtà di un degrado che va avanti da troppo tempo. Come organizzazioni sindacali siamo stanchi delle belle e troppe parole che si dicono dopo il verificarsi di questi fatti. I lavoratori non si sentono più sicuri, e spesso sono abbandonati a loro stessi nell’espletamento delle loro funzioni che ad ogni giorno aumentano  con nuove e maggiori responsabilità è ora di dire basta».  Occorre un impegno definitivo, forte e continuativo da parte delle istituzioni, in collaborazione con le forze dell’ordine, anche attraverso un monitoraggio costante, «magari costituendo un osservatorio (cosa richiesta più volte) attraverso il quale il sindacato, insieme ai lavoratori che svolgono il servizio nel territorio, può segnalare con precisione i punti più critici delle linee, delle fermate, così come gli orari più problematici; ribadiamo inoltre che è fondamentale avere gli impianti di videosorveglianza su tutti i mezzi anche quelli più datati, le bodycam per i verificatori e steward, oltre al posto guida blindato». Per questo motivo, va tenuto anche in considerazione che le risorse stanziate attualmente per l’acquisto di nuovi autobus dovrebbero essere impiegate per acquistare mezzi con la cabina di guida già protetta e blindata. E poi «servono punizioni esemplari, altrimenti si rischia di passare dalla rabbia alla rassegnazione, che è la cosa peggiore, perché determinerebbe una ulteriore perdita di fiducia nei confronti del trasporto pubblico locale, che invece rappresenta un valore aggiunto, un servizio sociale fondamentale per la nostra società. Il trasporto pubblico locale ha bisogno di maggiore attenzione, soprattutto dopo due anni di pandemia che ha evidenziato le storture organizzative su tutto il territorio regionale».   Attenzione non significa soltanto maggiori risorse, ma anche «controlli più frequenti da parte delle forze dell’ordine e soprattutto, nel caso di comportamenti illeciti, punizioni certe, immediate e visibili; in tutto questo contesto, l’assenza delle istituzioni non aiuta di certo». L’auspicio, infine, è che si intervenga anche sulla scuola, perché «riteniamo che un ruolo fondamentale sia rappresentato dall’educazione scolastica come strumento fondamentale che può fare la differenza rispetto a certi comportamenti».   
Continua a leggere
14/01/2022 Sciopero trasporto pubblico altissima adesione nelle Marche
Oggi 14 gennaio 2022 il comparto del trasporto pubblico locale sciopera in tutta Italia, a sostegno della vertenza per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro scaduto dal 2017.  Nelle Marche si registra un’ altissima adesione dei lavoratori del settore: Ancona 85 – 90 % Fermo 80 – 85 % Pesaro 75 – 80% Ascoli 80 – 90 % Macerata 85 – 90 % «Le controparti datoriali -  dichiara Daniela Rossi Segretaria Generale della Fit Cisl Marche - durante le trattative, hanno assunto un atteggiamento dilatorio e pretestuoso rispetto l’accordo sottoscritto nel giugno scorso che prevedeva la conclusione delle trattative e la firma del contratto entro ottobre 2021 con il riconoscimento di un adeguato e giusto aumento economico.» «E’ scandaloso e inaccettabile che un comparto così strategico come il TPL, che durante la pandemia non si è mai fermato, garantendo la mobilità in città e tra le città, aspetti ancora il rinnovo del contratto. Inoltre le associazioni datoriali hanno ricevuto sostanziose risorse governative sia direttamente, attraverso i ristori a copertura delle perdite economiche durante la pandemia, sia indirettamente, attraverso l’utilizzo dell’intero fondo bilaterale presente e futuro. – prosegue la Segretaria Generale Fit Cisl Marche -  Abbiamo inoltre richiesto più e più volte alla Regione azioni concrete per la sicurezza degli operatori istituendo, ad esempio, cabine di guida chiuse per gli autisti, ma da quando vi è l’obbligo delle mascherine FFP2 e del Green Pass per l’utilizzo dei mezzi pubblici, la situazione si è ancora più aggravata dal momento che autisti e verificatori sono oggetto di aggressioni e insulti. Riteniamo che il CCNL sia lo strumento indispensabile per affrontare le future sfide per l’adeguamento del TPL rispetto la mutata domanda di trasporto – conclude -  con l’obiettivo di trasformare il settore e renderlo sostenibile sia dal punto di vista economico che ambientale.» Nella mattinata le organizzazioni sindacali di categoria sono state ricevute dal Prefetto di Ancona dove durante l’incontro ha ringraziato tutti gli operatori del trasporto per il lavoro svolto in tempo di pandemia e  ha assunto l’impegno di portare le richieste sindacali  a livello governativo.
Continua a leggere
13/01/2022 Trasporto pubblico locale: sciopero nazionale il 14 gennaio per rinnovare il contratto. Coinvolti oltre 1600 lavoratori nelle Marche
Trasporti a rischio anche nella regione Marche domani, venerdì 14 gennaio, per lo sciopero di quattro ore indetto a livello nazionale dalle organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil, Faisa Cisal e Ugl Autoferro, per il mancato rinnovo  del contratto di lavoro nazionale del Trasporto pubblico locale. Nelle Marche, nel rispetto delle fasce di garanzia le segreterie regionali  hanno reso note le modalità di sciopero: personale di esercizio Tpl: dalle ore 11,30 alle ore 15,30. Durante le ore di sciopero, saranno assicurate alcune prestazioni minime indispensabili. Verranno garantiti i servizi per i portatori di handicap, scuole materne ed elementari.  Le motivazioni dello sciopero sono le criticità del servizio di mobilità pubblica legati alla salute e sicurezza dei lavoratori che per  far rispettare le norme anticontagio spesso sono oggetto di aggressioni verbali e fisiche, le mancate assunzioni per garantire un servizio efficiente ed efficace, oltre al mancato rinnovo del contratto nazionale scaduto nel 2017. I sindacati dei trasporti   denunciano una totale assenza della politica regionale sul tema. «Nessuna idea sul futuro della mobilità regionale – fanno notare i sindacati -. La situazione del trasporto pubblico vive la sua stagione più buia , aggravata da una pandemia che ha messo in evidenza tutte le fragilità di un sistema che si è indebolito sempre più, rendendolo non degno di un paese civile. Rivendichiamo il diritto al rinnovo del contratto e il miglioramento delle condizioni lavorative" sostengono le organizzazioni che hanno proclamato lo sciopero». Le Segreterie regionali dei sindacati di categoria incontreranno, sempre nella giornata di domani, il Prefetto di Ancona per rendere partecipi le istituzioni delle motivazioni dello sciopero.  
Continua a leggere
24/11/2021 26 novembre sciopero lavoratori Aeroporto delle Marche Sindacati: “Serve un intervento forte della Regione “
Sono state notificate ai lavoratori dell'Ancona International Airport (A.I.A.) le lettere di licenziamento,  dopo che il sindacato aveva chiesto di proseguire con le sospensioni dal lavoro utilizzando tutti gli ammortizzatori sociali a disposizione secondo le dotazioni attuali e vista la politica di sostegno governativa per un settore, quello passeggeri in forte crisi, per la pandemia che per  gli osservatori internazionali  si riprenderà entro il 2025. Nel 2020, i sindacati  avevano condiviso,  presso la Regione, la conclusione della procedura di mobilità per il personale in eccedenza che,  attraverso l’accordo, era stato numericamente circoscritto prevedendo misure diversificate come   incentivazione all’esodo, ricollocazioni e via dicendo. Purtroppo, nei giorni scorsi, A.I.A. ha iniziato a notificare altre lettere di licenziamento, oltrepassando i limiti stabiliti dagli accordi sindacali esistenti. Dunque, l’appello del sindacato è caduto nel vuoto. Le 4 ore di sciopero dei sindacati proclamate per  venerdì 26 novembre e il sit-in dalle 11,30 alle 13,00 sotto la sede della Regione, devono servire a scuotere la politica regionale, troppo debole e ancora troppo avvolta nel torpore di un lungo ed inspiegabile sonno. La Regione Marche è sì il socio di minoranza ma anche il proprietario dell’ infrastruttura, é l’istituzione che rappresenta il Governo del territorio regionale: un interlocutore che non può essere snobbato. Il sindacato ritiene che la Regione non può concedere al fondo inglese di agire indisturbato dopo che lo stesso ente ha comunque continuato a investire con risorse pubbliche sullo sviluppo del trasporto aereo: come dire che il pubblico investe in una azienda che fa licenziamenti, nonostante i fondi pubblici. Ricordiamo infatti che in totale saranno 13 i milioni che la collettività marchigiana investe per lo sviluppo del turismo nella regione. Per questo motivo, il sindacato si rivolge direttamente al Presidente Acquaroli, che ha le deleghe al porto, aeroporto ed interporto, per chiedere se la politica tanto sbandierata sull'intermodalità, sui collegamenti della nostra regione si faccia soprattutto sulle aspettative dei lavoratori con i licenziamenti e la precarizzazione dei posti di lavoro e non sul rilancio del settore aereo che non può essere svincolata dal mantenimento di una occupazione di elevata professionalità. I sindacati,  a seguito della scadenza del blocco dei licenziamenti, si erano incontrati con la Regione Marche ed avevano chiesto di proseguire con gli ammortizzatori sociali per evitare i licenziamenti che sono stati oggetto di una procedura di mobilità conclusa. L'assessore al Lavoro ha ammesso di non essere riuscito a convincere il socio di maggioranza. Allora il sindacato si chiede: quale ruolo vuole svolgere la Regione sul proprio territorio, di suddito oppure di decisore di pari dignità con il socio di maggioranza? Riteniamo che la Regione deve pretendere di più dal gestore di una infrastruttura pubblica come lo scalo dorico  dove, oltre allo sviluppo del traffico passeggeri e del cargo, è al centro dell’interesse del gruppo Amazon. Ieri, è partita  la richiesta di incontro al Presidente Acquaroli per chiedere il rispetto degli impegni che la Regione si era assunta nei confronti delle maestranze dell’ ex Aerdorica (politiche attive del lavoro per la ricollocazione futura) e per capire  lo sviluppo del trasporto aereo nella nostra regione.
Continua a leggere
08/11/2021 Sciopero generale igiene urbana 8 novembre 2021 a San Benedetto del Tronto presidio dei lavoratori
Lunedì 8 novembre i lavoratori dell’igiene urbana sono tornati in piazza. A San Benedetto del Tronto presidio dei lavoratori -  sotto la sede del Comune dalle ore 10.30 alle 12.00  - per lo sciopero generale proclamato da FP CGIL, FIT CISL, UILT, FIADEL.   Interrotte bruscamente le trattative per il rinnovo dei Contratti Nazionali, «sono 28 mesi di mancato rinnovo malgrado gli operatori dell’igiene urbana hanno garantito uno dei servizi essenziali per tutte le nostre comunità, in tutti i comuni della provincia, sfidando la pandemia » dichiara Roberto Ascani delegato della segreteria regionale FIT CISL MARCHE. «Abbiamo tenacemente provato a sviluppare i temi della piattaforma e i bisogni dei lavoratori per sottoscrivere un rinnovo contrattuale di prospettiva, più coerente con l’indispensabile sviluppo industriale delle aziende, ma soprattutto come strumento rinnovato nelle regole e nelle tutele per lavoratrici e lavoratori – sottolinea  Ascani -  ma le associazioni datoriali, sia pubbliche che private, hanno solo mantenuto atteggiamenti spesso ondivaghi e pregiudiziali utili solo all’abbattimento dei costi.» Questi i motivi dello sciopero generale nazionale indetto dai sindacati  di categoria per l’intera giornata e per tutti i turni di lavoro  di lunedì 8 novembre. «Chiediamo con forza un intervento fattivo del sindaco di San Benedetto sull’ANCI, attraverso la struttura regionale, affinché si faccia interprete anche delle aspettative legittime dei lavoratori dell’igiene urbana – rilancia e conclude Ascani della FIT CISL MARCHE-   e sulle rappresentanze datoriali attraverso le aziende pubbliche del territorio di cui, sono  soci di maggioranza, affinché  sollecitino per una ripresa immediata delle trattative per giungere ad un rinnovo contrattuale condiviso e rispettoso del lavoro.»
Continua a leggere
05/11/2021 Lunedi 8 novembre: sciopero nazionale dei servizi ambientali, sit -in ad Ancona e a San Benedetto del Tronto
Lunedì  8 novembre si terrà lo sciopero generale nazionale dei lavoratori dei servizi ambientali (raccolta e trasporto rifiuti) a sostegno della piattaforma sindacale per il rinnovo del contratto, scaduto da  28 mesi. Nelle Marche presidi regionali  ad Ancona, in Piazza del Plebiscito, e San Benedetto del Tronto, davanti al Comune, dalle ore 10,30 alle ore 12,00. Sono interessati oltre 100mila lavoratori delle imprese pubbliche e private del settore, più di 3 mila nella regione Marche Si è giunti alla proclamazione dello sciopero dopo un percorso di mobilitazione iniziato per le posizioni insostenibili della parte datoriale (Utilitalia, Confindustria, Fise e Centrali Cooperative) che hanno portato all'interruzione della trattativa : -Flessibilità estrema sull'organizzazione del lavoro attraverso gli orari; -Ridimensionamento delle relazioni sindacali e degli spazi di partecipazione e confronto; -Precarizzazione dei rapporti di lavoro -Aumenti economici che non tengono conto dell’incremento del costo della vita  «Il disegno evidente è quello di destrutturare il costo del lavoro, provando a fare impresa solo attraverso il taglio dei salari, la precarizzazione dei rapporti di lavoro e la flessibilità totale. » sottolineano i rappresentanti sindacali di categoria  La piattaforma sindacale mira invece a valorizzare i lavoratori del comparto, che tanto hanno dato e stanno dando nel periodo di emergenza pandemica: -CCNL Unico di filiera esteso anche agli impianti di trattamento delle raccolte differenziate -Rafforzamento delle relazioni industriali con un potenziamento del ruolo delle rappresentanze dei lavoratori e dei sindacati territoriali -Consolidamento delle norme su salute e sicurezza e miglioramento delle condizioni di lavoro (orari, turni, e diritto a una formazione continua -Piena esigibilità della clausola sociale a tutela del personale nei cambi di gestione -Adeguati aumenti economici L'esito del confronto è dirimente, soprattutto dopo 2 anni di Covid (con tutto quello che ha comportato per i lavoratori) e in un settore strategico come quello dell'igiene ambientale, che vedrà grandi finanziamenti europei (PNRR).   «Il sindacato vuole un settore capace di garantire sviluppo e crescita tutelando al meglio i lavoratori e assicurando ai cittadini il miglioramento della qualità del servizio. E' necessario rafforzare le tutele, i diritti e la contrattazione: il contratto collettivo nazionale è uno strumento fondamentale di coesione tra impresa e lavoratori, il suo rinnovo non è ulteriormente rinviabile. - concludono i sindacati -  Per questi motivi, s’invitano le lavoratrici e i lavoratori interessati ad aderire allo sciopero e a partecipare ai presidi regionali che si terranno ad Ancona (Piazza del Plebiscito) e San Benedetto (davanti al Comune) in orario 10,30 -1 2,00»    
Continua a leggere