• Home/
  • Categorie sindacali/
  • Pubblico/
  • FUNZIONE PUBBLICA

FUNZIONE PUBBLICA

Cisl Marche News

06/07/2022 Sanità Cgil Cisl Uil Marche:” La Riforma non distragga dai problemi quotidiani"
Con la presentazione di una proposta di legge da parte della Giunta regionale delle Marche ha preso avvio il percorso di riorganizzazione del servizio sanitario regionale, che entro la fine del 2022 dovrebbe portare al definitivo superamento della legge regionale n.13 del 2003. Una riforma che si annuncia importante, in quanto modificherà profondamente l’assetto istituzionale ed organizzativo della sanità marchigiana, in particolare per quanto riguarda il superamento dell’Azienda Sanitaria Unica Regionale. Cgil Cisl e Uil delle Marche la valuteranno con grande attenzione, e interverranno con osservazioni e proposte durante l’iter istituzionale di approvazione della legge, confidando nella dichiarata disponibilità da parte della Giunta di aprire un confronto serio e organico sui contenuti della legge stessa e sulle ragioni che hanno portato a questa scelta politica, presupposti fino ad oggi non del tutto esplicitati e non supportati da dati e da adeguate motivazioni.   Partendo dalla necessità di recuperare in forma esplicita il coinvolgimento delle rappresentanze sociali e sindacali, anche territoriali, nelle fasi di programmazione e organizzazione dei servizi. Tuttavia, già in fase di avvio di questo percorso, riteniamo importante tenere a mente che la proposta interviene sui “contenitori” dei servizi sanitari e sociosanitari. Aspetto importante, ma non più delle questioni relative ai “contenuti” e quindi alle caratteristiche di questi ultimi. Ci sono dei temi sui quali, fin dai prossimi mesi, sarà importante capire gli orientamenti della Giunta e il modo in cui questi saranno tradotti in pratica, stante i ritardi accumulati. Per ragioni di sintesi ne segnaliamo solo alcuni, a nostro avviso prioritari. L’esigenza di riequilibrare la ripartizione delle risorse tra i livelli assistenziali ospedaliero, distrettuale e della prevenzione, oggi nettamente sbilanciata a favore del primo. La necessità di strutturare una rete ospedaliera efficace, sostenibile ed omogenea tra i vari territori. Quella di dare concretezza al percorso di sviluppo delle Case e degli Ospedali di comunità, specie reperendo personale necessario a garantirne l’operatività, a partire da quello medico e infermieristico. Il recupero delle centinaia di migliaia di prestazioni di specialistica ambulatoriale sospese a causa di una pandemia con la quale, purtroppo, dobbiamo continuare a fare i conti. La rivisitazione dell’assetto dei servizi residenziali, semi-residenziali e domiciliari, in tutta la regione. Nella necessità di risolvere i tanti problemi aperti, che in alcuni casi si stanno acutizzando, creando disagi crescenti sia per i cittadini marchigiani che per gli operatori costretti a subire condizioni di lavoro ormai inaccettabili, occorre prestare la massima attenzione poiché andare ad agire sugli assetti generali del SSR rischia di allungare i tempi anche rispetto alla risoluzione di queste criticità, che ribadiamo per noi essere la vera priorità della sanità regionale. Tante sono le questioni di merito ancora aperte. Auspichiamo che la giusta e necessaria attenzione ai temi degli assetti non distragga completamente l’attenzione sui concreti problemi quotidiani. Per questo riteniamo necessario, parallelamente all’approvazione della nuova legge, essere quanto prima messi in condizione di interloquire con la Giunta, a partire dalle scelte che saranno adottate in sede di stesura del nuovo Piano Socio Sanitario regionale.
Continua a leggere
06/07/2022 Asilo nido di Camerano, lavoratrici da marzo senza stipendio Fisascat Cisl Marche: "Comune ancora incapace di trovare una soluzione"
La Fisascat Cisl Marche denuncia la gravissima situazione  in cui versano le lavoratrci dell’asilo nido di Camerano che non percepiscono alcuna retribuzione dal mese di marzo. La cooperativa che gestiva il servizio, la Eurotrend Assistenza di Biella, è stata posta in liquidazione coatta amministrativa e dal mese di aprile non ha più erogato le retribuzioni né inviato alle lavoratrici i LUL paventando problemi al proprio sistema informatico. Le lavoratrici per il tramite dei legali della Fisascat Cisl Marche hanno richiesto il pagamento delle spettanze loro dovute al Comune di Camerano, in qualità di committente del servizio, ai sensi dell’art. 1676 c.c. Il Comune di Camerano da un lato si è prontamente attivato per interrompere l’affidamento del servizio ad Eurotrend Assistenza affidandolo ad altra cooperativa e dall’altro ha comunicato al sindacato la disponibilità a erogare alle lavoratrici quanto dovuto in luogo di Eurotrend Assistenza. «Una vicenda che sembrava avere un positivo epilogo in tempi contenuti si è però arenata nei meandri della burocrazia; ai buon intendimenti sono seguiti infatti impedimenti e richieste ai vari interlocutori che nei fatti stanno impedendo alle lavoratrici di percepire almeno in parte le somme loro dovute. - affermano da Fisascat Cisl Marche -  Trattandosi di un mero anticipo che costituisce peraltro solo un temporaneo ristoro economico per le lavoratrici, riteniamo indispensabile che il Comune di Camerano superi ogni limite formale e burocratico e dia una legittima risposta a lavoratrici che svolgono il medesimo lavoro di un dipendente pubblico garantendo un servizio essenziale per le tante famiglie cameranesi che il Comune non può ignorare.» «Diciamo basta e chiediamo quanto  dovuto per l’attività svolta nei mesi aprile, maggio e la prima metà di giugno.  - rilanciano le lavoratrici dell’asilo nido di Camerano - Comunichiamo sin d’ora che, pur garantendo la continuità del servizio per senso di responsabilità nei confronti dell’utenza e della cooperativa subentrata, siamo pronte ad ogni forma di protesta e iniziativa legale nei confronti del Comune di Camerano qualora la situazione non dovesse risolversi al più presto.»  
Continua a leggere
05/07/2022 205° Anniversario Corpo Polizia Penitenziaria FNS Cisl Marche “ Precarie condizioni di lavoro e gravi carenze organico, noi non festeggiamo”
In occasione dell’ Anniversario della fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria nato 205 anni fa, che si celebra oggi, 5 luglio, in tutta Italia, e nelle Marche presso l’Istituto di Ascoli Piceno,  la  FNS Cisl Marche non sarà presente ai festeggiamenti  «perché non si può festeggiare visto quello che si vive quotidianamente nelle carceri. – sottolinea Antonio Lagianese FNS Cisl Marche – Ogni giorno contiamo gravissimi eventi  critici come aggressioni, colluttazioni e minacce, senza contare il sovraffollamento dei detenuti, l’alto numero di soggetti in attesa di giudizio per le note difficoltà del sistema giudiziario, l’inadeguatezza delle strutture penitenziarie, le gravi carenze delle  dotazioni di personale. Tutti questi fattori non fanno altro che peggiorare le già precarie condizioni lavorative dei poliziotti penitenziari che di conseguenza si ritrovano ad essere  sempre più soli. La  situazione non rappresenta di certo motivo di festeggiamenti per coloro che ogni giorno, 24 ore su 24, vivono la tensione e l'operatività dei servizi d’istituto. – ribadisce e conclude Langianese - Questa ricorrenza ci deve far riflettere sul futuro del Corpo, e sul  malessere generale che vive giornalmente il personale»
Continua a leggere
02/07/2022 Chiusura strada della Gola di Frasassi Cgil Cisl Uil Fabriano soddisfatti per la soluzione trovata
  Cgil, Cisl, Uil di Fabriano plaudono con soddisfazione la soluzione trovata per  l’eventuale chiusura  della strada della Gola di Frasassi, che su sollecitazione e con ragione veniva chiesta dal Sindaco di Genga. «Forti erano le  preoccupazioni di eventuali disagi che si sarebbero andati a creare per le aree industriali ed artigianali del territorio e della circolazione stradale già in difficoltà per la chiusura obbligata del ponte sulla provinciale di Sassoferrato - Fabriano, riversando tutto il traffico pesante verso Genga.- affermano Cgil, Cisl, Uil di Fabriano  -  Preoccupazioni dovute  alla possibile ricaduta sulle aziende del territorio e quindi sulle lavoratici ed i lavoratori con l’apertura della cassa integrazione e con le conseguenze economiche a carico della collettività.»  «Ci siamo subito interessati chiedendo di essere convocati nella riunione tecnica di venerdì 24 giugno, scorso,  fornendo un nostro documento con possibili soluzioni e chiedendo al Prefetto un incontro urgente, proprio per sensibilizzarlo sulle gravi situazioni che si sarebbero potute creare - scrivono in una nota Cgil Cisl Uil Fabriano -  Il Prefetto ci ha convocato il 28 giugno  ascoltandoci e facendoci conoscere nel dettaglio tutta la situazione, che pur impegnandosi ad una soluzione di buonsenso, poteva non essere di sua competenza, quindi da parte nostra va  a sua Eccellenza dott. Darco Pellos Prefetto di Ancona, un grande ringraziamento.» «La soluzione trovata è tutto sommato di buon senso, ha trovato tutte le componenti unite avendo importanti responsabilità di sicurezza, ma anche di mantenimento occupazionale. -  proseguono i sindacati -  Riteniamo importante questa iniziativa, che ha fatto capire che quando si fa squadra e non si guarda esclusivamente il proprio campanile si trovano soluzioni importanti per il nostro territorio.» «Restano comunque, nel territorio montano, problemi di viabilità, per questo chiediamo anche alla Regione Marche di adoperarsi con urgenza al ripristino della ormai atavica incompiuta pedemontana Fabriano-Sassoferrato, un esigenza inderogabile. E' necessario  rivedere la transitabilità dei mezzi pesanti all’ interno dei paesi, vedi Sassoferrato e Genga, sarebbe opportuno, a nostro avviso,  pensare a delle bretelle che evitino pericoli ed ingorghi all’ interno dei centri abitati.  - rilanciano e concludono Cgil Cisl Uil Fabriano -  Va fatta una programmazione della manutenzione ordinaria e straordinaria, per evitare eventuali  chiusure, per la salvaguardia degli utenti delle strade e dei cittadini tutti.»    
Continua a leggere
29/06/2022 Vongolara affondata, Fai Cisl Marche: «Basta morire di lavoro»
Un nuovo incidente mortale in mare colpisce il nostro territorio. Lauro Mancini, 57 anni, è morto all'alba di lunedì al largo di Falconara Marittima in seguito all'affondamento della vongolara di cui era armatore. Danilo Santini, Segretario Generale della Fai Cisl Marche, federazione che rappresenta anche i lavoratori della pesca, ha espresso cordoglio per la tragedia e insiste nel chiedere maggiore sicurezza in mare.
Continua a leggere

CISL FP MARCHE News

04/07/2022 Protesta dei lavoratori del Ministero della Cultura, sindacati:”A rischio l’apertura di musei, biblioteche, archivi e autorizzazioni bonus 110”
In  piazza del Plebiscito, oggi ad Ancona, davanti alla Prefettura, si è svolto il presidio dei lavoratori del Ministero della Cultura. La manifestazione, promossa nell’ambito della mobilitazione nazionale da FP CGIL, CISL FP e UILPA, si lega alla protesta dei circa 300 lavoratori delle Marche, alle prese con un progressivo dimezzamento dell’organico negli ultimi dieci anni. «La situazione è ormai intollerabile, in particolare nella Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio (Sabap), che, nelle Marche, è stata suddivisa in Marche sud e Marche nord. - hanno sottolineato i sindacati di categoria  -  Una divisione che ha portato all’aumento del carico di lavoro, per il personale rimasto, davvero insostenibile. A farne le spese la continuità del servizio pubblico, come l’apertura dei musei, biblioteche ed archivi. A rischio anche le autorizzazioni legate ai superbonus 110 e facciate, nonché ai progetti del Pnrr.»
Continua a leggere
04/07/2022 Nuova legge di Riforma del Sistema Sanitario Regionale fondamentale il confronto con il sindacato sul personale CISL FP MARCHE: “ Vanno affrontate contestualmente le tante problematiche aperte”
 La Cisl Fp Marche, alla vigilia dell'annunciato progetto di riorganizzazione del Sistema Sanitario Regionale  che sarà,  in questi giorni, posto all'attenzione del Consiglio Regionale pone, con il consueto spirito propositivo, alcuni quesiti in merito alla situazione, in attesa di poter esplicitare riflessioni analitiche una volta conosciuto, con precisione, il testo che verrà deliberato dalla Giunta Regionale. « Una Riforma del Sistema Sanitario Regionale ha  senso se si risolvono subito i problemi legati al personale che necessita di assunzioni, stabilizzazioni, superamento del precariato per garantire adeguate attività di assistenza, cura e diagnostica.  – afferma il Responsabile della Cisl Fp Marche, Luca Talevi - Oltre alla purtroppo nota  mancanza di infermieri ed operatori socio sanitari si registra, ad oggi, le graduatorie per alcune importanti professionalità quali tecnici sanitari di laboratorio, assistenti amministrativi o perfusionisti, e sappiamo bene come dall'indizione del concorso all’ assunzione della figura professionale possono passare dai 18 ai 24 mesi. In tal senso è fondamentale chiudere in tempi brevissimi il nuovo Regolamento dei concorsi da condividere con le organizzazioni sindacali. – rilancia Talevi - Senza interventi sul personale, sia dal punto di vista delle coperture delle dotazioni organiche che degli incentivi qualsivoglia riorganizzazione rischia di entrare in crisi ancor prima dell'avvio, mettendo così in discussione il raggiungimento stesso degli obiettivi prefissati.»  La  Cisl  Fp Marche ricorda, in tal senso, per esempio  come nel 2019 l'Asur bandì il concorso unificato per Assistenti Amministrativi ( Categoria C ), per il quale sono giunte circa 8.000 domande di cittadini che hanno anche pagato dieci euro al momento della presentazione della domanda senza sapere più nulla in merito alle prove.  «E' evidente che solo con una adeguata dotazione organica, di infermieri, oos, tecnici, amministrativi si potrà definire un nuovo sistema di welfare socio -sanitario integrato capace di rispondere ai bisogni di cura e promuovere un modello di sanità di prossimità in grado di essere vicini ai cittadini sul territorio, e dare respiro ai Pronto Soccorso ove la situazione è in costante peggioramento alla luce anche di situazioni contingenti quali i malori legati alle temperature elevate e la presenza di  turisti aventi necessità di intervento. – prosegue il Responsabile della Cisl Fp Marche -  Anche il doveroso progetto di recupero delle liste di attesa non può basarsi solo su prestazioni aggiuntive, che andrebbero estese anche ad altre figure professionali oltre i previsti infermieri e tecnici di radiologia, ma con inserimento di nuovo personale. L'acuirsi, in piena estate, dell'emergenza Covid crea ulteriori problemi ad un personale stremato da due anni "infernali", a cui sono seguite solo parole di ringraziamento e nessun valido incentivo e riconoscimento economico,  e che ora rischia di vedere messo a rischio anche  il piano ferie estivo. – conclude Luca Talevi -  Siamo pronti al confronto sulla riorganizzazione del Sistema  Sanitario Regionale ma è   urgente affrontare i problemi esistenti da troppo tempo in ogni luogo di lavoro. Senza il coinvolgimento del personale ogni progetto rischia di non dare i risultati auspicati. Aprire da subito tavoli sul personale è l'unica soluzione per provare a dare gambe a qualsivoglia riorganizzazione.
Continua a leggere
27/06/2022 Rinnovato CCNL sanità 2019/2021 soddisfazione della Cisl Fp Marche :” Risultato che darà le prime risposte economiche e normative agli oltre 14.000 lavoratori marchigiani del comparto sanità. Ora stabilizzazioni, fine del precariato
L'importante rinnovo del CCNL sanità 2019/2021, sottoscritto nei giorni scorsi, avrà importanti ricadute economiche e normative anche sugli oltre 14.000  lavoratori del comparto della sanità marchigiana: dagli infermieri, agli operatori socio sanitari, tecnici  personale amministrativo. Il nuovo articolato  del contratto nazionale, oltre al doveroso riconoscimento economico, rafforza il processo di innovazione e modernizzazione della pubblica amministrazione. Considerando anche le nuove indennità, l'accordo raggiunto consentirà di riconoscere incrementi medi, calcolati su tutto il personale del comparto, di circa 175 euro lordi al mese. Un passo decisivo nella direzione di una reale valorizzazione delle professionalità che operano in un settore delicatissimo, ancora oggi fortemente esposto, come quello della salute dei cittadini. «Quanto sottoscritto prevede importanti risorse anche per aumenti  legati a specifiche professionalità:  infermieristiche, sanitarie, socio -sanitarie e lavoratori del pronto soccorso, avviando un percorso che ci avvicina a quanto avviene a livello europeo in materia di retribuzioni. – sottolinea Luca Talevi, Responsabile Cisl Fp Marche -   Importante anche la parte normativa con la riforma dell'ordinamento professionale, un  nuovo sistema di classificazione e la definizione del lavoro agile non più strumento "emergenziale" ma bensì importante strumento di organizzazione del lavoro.»   «Ora necessita un piano di rafforzamento degli organici da parte della Regione Marche  con nuove assunzioni, anche per compensare i pensionamenti, superando definitivamente la lunga pagina del precariato attraverso stabilizzazioni, fine del precariato e scorrimento delle graduatorie concorsuali vigenti. – rilancia e conclude Talevi - Un obiettivo fondamentale da conseguire alla luce anche dell'annunciato ridisegno organizzativo del SSR che avrà necessità di un potenziamento degli organici in tutte le strutture presenti ».  
Continua a leggere
31/05/2022 Maurizio Petriccioli, Segretario Generale Cisl Fp nazionale, incontra le RSU per il rilancio della sanità marchigiana
Oltre cento delegati Rsu della Cisl Fp Marche si sono riuniti oggi, martedì 31 maggio 2022, all'Auditorium Totti degli Ospedali Riuniti di Torrette, per incontrare il Segretario Generale nazionale della Cisl Fp Maurizio Petriccioli. Al centro dell'iniziativa il rilancio della sanità  marchigiana  con  l’aumento degli investimenti infrastrutturali  e soprattutto sul personale, con stabilizzazioni  e scorrimento della graduatoria infermieri ed operatori socio sanitari . «E' necessario disegnare la sanità post -covid valorizzando coloro che a parole sono stati definiti "eroi" ma non hanno avuto adeguati riconoscimenti economici.  - sottolinea Luca Talevi, Segretario Generale Cisl Fp Marche - Molto importante è anche  il lavoro da intraprendere per la valorizzazione dei professionisti della sanità in un’ ottica anche di abbattimento delle liste di attesa accumulatesi durante l'emergenza COVID.   In tal senso è  fondamentale la ripresa di un vero confronto con la Regione Marche per definire le modalità per coniugare le legittime istanze dei lavoratori con le migliori risposte ai cittadini/utenti. » Le recenti elezioni Rsu hanno visto la Cisl Fp Marche confermarsi il primo sindacato del pubblico impiego marchigiano con oltre il 36% dei voti  complessivi, un risultato che vede la Cisl Fp impegnata a dare risposte ai lavoratori in un’ ottica di rimodulazione dell'azione della Pubblica Amministrazione, dopo due anni emergenziali caratterizzati dall'emergenza Covid. «Il più che positivo risultato conseguito alle recenti elezioni delle rappresentanze sindacali unitarie  pone le Rsu Cisl  in un importante ruolo teso alla ripresa e sviluppo del confronto anche all'interno in ogni realtà delle Autonomie Locali e delle Funzioni Centrali, alla luce dei contenuti dei nuovi CCNL che permetteranno di sviluppare istituti normativi tesi a valorizzare le professionalità dei lavoratori per erogare servizi sempre migliori ai cittadini» conclude Talevi. Il Segretario Generale Cisl Fp Maurizio Petriccioli nell'elaborare  il punto della situazione nazionale, che ha visto la Cisl Fp protagonista assoluto della pubblica amministrazione, ha illustrato come gli strumenti previsti dai nuovi CCNL del Pubblico Impiego, daranno importanti strumenti normativi per far sì che le nuove Rsu abbiano gli strumenti per dare risposte alle problematiche della pubblica amministrazione marchigiana.  Presenti anche il Segretario generale  della Cisl Marche, Sauro Rossi e il Segretario regionale Cisl Marco Ferracuti.     
Continua a leggere
30/05/2022 Personale sanità, Fp Cgil Cisl Fp Uil Fpl : “ Si apra subito un confronto per la proroga dei contratti e il potenziamento degli organici”
L’approssimarsi del mese di giugno nella sanità implica, per regole previste dal contratto nazionale, l’avvio delle ferie per il personale sanitario, nel periodo che va dal 1 giugno al 30 settembre « al fine di contemperare il diritto alle ferie  occorre predisporre  un piano di fruizione a rotazione ma non basta, occorre anche che gli enti facciano assunzioni nei quattro mesi previsti per la fruizione delle ferie in modo da garantire inalterata l’erogazione dei servizi. - precisano i Segretari Generali della Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl Marche -  è per questo che abbiamo chiesto l’apertura del confronto con il Dipartimento salute e di tutti gli enti del servizio sanitario Marche, perché il rischio è che anziché assumere ulteriore personale per far fronte alle ferie si vada invece alla sua riduzione per la mancata proroga dei tempi determinati in scadenza.» Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, sin dal momento in cui è stato possibile, hanno rivendicato l’aumento delle capacità di spesa previste dalla norma fino al massimo consentito innalzando così il limite storicizzato al livello di spesa del 2004 -1,4% da un valore di circa 918 mln di  euro (limite del 2019) agli attuali 932 mln di euro per il 2022. «E’ per questo che chiediamo la proroga dei contratti a termine, la verifica di tutte le opportunità di potenziamento degli organici a partire dallo scorrimento delle graduatorie e la corretta applicazione delle ultime novità della legge finanziaria che prorogano l’efficacia della legge “Madia” ed introducono la possibilità di stabilizzazione nei confronti del personale precario che ha prestato attività durante l’emergenza pandemica. - rilanciano e concludono Pintucci, Fp Cgil Marche, Luca Talevi, Cisl Fp Marche e Marcello Evangelista, Uil Fpl Marche -  Si apra subito il tavolo di confronto.»
Continua a leggere