• Home/
  • Categorie sindacali/
  • Industria e agricoltura/
  • FIM - METALMECCANICI

FIM - METALMECCANICI

Chi siamo

Industria manifatturiero-metalmeccanica (autoavio, elettromeccanico ed elettronico, meccanico in generale); industria siderurgica, Tlc e cantieristica.

Sede regionale:

Via dell'industria, 17 - 60127 Ancona
Tel: 071 5051
Fax: 071 505207
Email: mauro.masci@cisl.it
Pec: fimcislmarche@pec.it

Ancona

Via De Gasperi, 50 - 60044 Fabriano
Lun Mar Mer Gio Ven Sab
08:30-12:30
15:30-18:30
08:30-12:30
15:30-18:30
08:30-12:30
15:30-18:30
08:30-12:30
15:30-18:30
08:30-12:30
15:30-18:30
-
Via San Gennaro 30 - 60027 Osimo
Lun Mar Mer Gio Ven Sab
- - -
15:30-18:30
- -

Macerata

Via Caio Arrio, 5/9 - 62024 Matelica
Lun Mar Mer Gio Ven Sab
- - - - -
08:30-12:30

Pesaro Urbino

Via Garibaldi, 69 - 61032 Fano
Lun Mar Mer Gio Ven Sab
- - - - -
09:00-12:00 * [ferie dal 24/12 al 8/01 - riprende il 9/01/2022]
* su appuntamento
Via Nazionale 112/h, Bottega - 61022 Vallefoglia
Lun Mar Mer Gio Ven Sab
15:30-18:30 *
- - - - -
* su appuntamento
CALCINELLI Via Guglielmo Marconi, 22 - 61036 Colli al Metauro
Lun Mar Mer Gio Ven Sab
-
08:30-13:00 * [su app.to chiamare 338.9372358 Alberto Zaffini]
-
15:00-19:00 * [su app.to chiamare 338.9372358 Alberto Zaffini]
- -
* su appuntamento
via dei martiri della libertà - 61033 Fermignano
Lun Mar Mer Gio Ven Sab
- -
15:30-18:29 *
- - -
* su appuntamento

Le ultime notizie

18/05/2022 CATERPILAR, FIM CISL - UILM UIL al Presidente di Confindustria Ancona: “Forte rammarico per le dichiarazioni fatte. La verità è che solo con l’impegno di tutti siamo riusciti a dare una nuova prospettiva occupazionale”
I sindacati di categoria Fim Cisl Marche  e Uilm Uil esprimono forte rammarico rispetto alle dichiarazioni fatte dal  Presidente di Confindustria Ancona su Caterpillar «considerando quanto impegno è stato profuso per venire a capo della difficile situazione della Caterpillar c’è da rimanere allibiti di fronte alle esternazioni del Presidente di Confindustria Ancona che ricorre ad una vera e propria narrazione di stampo fantasy, per disconoscere, incomprensibilmente, il ruolo svolto dalle organizzazioni sindacali, nella vicenda.» «Se c’è un dato che costituisce un elemento di conforto per possibili situazioni critiche da gestire in futuro, come abbiamo avuto modo di sottolineare nei nostri comunicati, è quello delle tante sinergie attivate tra i soggetti sociali ed economici e le istituzioni del territorio per unire le forze e trovare uno sbocco alla difficilissima situazione generata dall’improvvisa scelta della Caterpillar di abbandonare la Vallesina. - sottolineano Fim Cisl Marche  e Uilm Uil -Disconoscere questo aspetto, divertendosi a fare le pagelle e cadendo in clamorose omissioni, non fa onore a Confindustria di Ancona, forse ancora un po’ irritata dalle sollecitazioni che ricevette nella prima fase della vertenza, per la timidezza che sembrava mostrare verso la stessa Caterpillar. Salvo poi, attraverso un confronto costruttivo con le organizzazioni sindacali, come è giusto e riconosciuto, individuare percorsi che si sono rivelati concreti e soddisfacenti.» «Non capiamo davvero - concludono -  a chi giovi sminuire il lavoro fatto e ricorrere a superficiali sintesi dei comportamenti dei tanti soggetti in campo, quando proprio una certa collegialità ha permesso di dare una nuova prospettiva occupazionale a tanti lavoratori.»  
Continua a leggere
09/03/2022 Caterpillar. Fim- Fiom- Uilm: sottoscritti accordi per la reindustrializzazione a garanzia della piena occupazione
Nella giornata di oggi a tre mesi dall’inizio del presidio e delle lotte dei lavoratori Caterpillar,  sono stati sottoscritti in modo contestuale un'ipotesi di accordo sindacale con la società Caterpillar Hydraulics Italia Srl e un'ipotesi di accordo con la società IMR IndustrialeSud Spa con Fim Fiom Uilm e le Rsu e Confindustria Ancona. I due accordi giungono dopo la decisione da parte di Caterpillar di cessare l’attività lavorativa presso lo stabilimento di Jesi con l’apertura di una procedura di licenziamento collettivo per 189 dipendenti, coinvolgendo anche 30 lavoratori con contatto di staff leasing. L’accordo con Caterpillar trasforma la procedura di licenziamento collettivo in un percorso di cassa integrazione straordinaria per cessazione di attività per 12 mesi per tutti i dipendenti attualmente in forza, oltre a prevedere la collocazione in Naspi per coloro che non aderiranno alla proposta di lavoro che IMR si è impegnata a proporre indicativamente a partire dal mese di maggio-giugno 2022. In modo congiunto è stata raggiunta un’ipotesi di accordo con la società IMR per definire le condizione di passaggio in continuità e con contratto a tempo indeterminato per tutti i dipendenti 189 dipendenti Caterpillar. Le condizioni concordate prevedono un inserimento dei lavoratori in modo graduale attraverso il ricorso ad un periodo di 24 mesi di cassa straordinaria per riorganizzazione aziendale dove è previsto l’anticipo economico da parte aziendale. Vengono salvaguardati: l’anzianità lavorativa ai fini contrattuali e di legge (art. 18), i livelli di inquadramento professionale sia per operai che impiegati, gli scatti di anzianità maturati, il premio di produzione per gli operai del valore di circa 100 euro mensili. Inoltre per quanto riguarda i superminimi individuali l’intesa prevede una riduzione del superminimi per gli impiegati ma con una soglia di garanzia di almeno 150 euro al mese mentre per quanto riguarda gli operai gli stessi saranno garantiti attraverso un sistema di welfare aziendale in base al valore individuale già riconosciuto. Inoltre al termine del periodo di cassa integrazione, verrà istituito un premio di risultato per tutti i dipendenti con un livello di garanzia che prevede l’erogazione di almeno 1.500 euro. Viene salvaguardato il servizio mensa alle stesse condizioni preesistenti. È stato previsto un sistema di servizi riconosciuti dall’azienda (trasporto, vitto e alloggio) per i lavoratori che per finalità formative dovranno essere formati professionalmente presso la sede aziendale di Teramo. Infine, a titolo transattivo per i lavoratori che verranno assunti da IMR verrà riconosciuta un cifra una tantum pari a 3.000 euro. Per i lavoratori in staff leasing è previsto un diritto di precedenza in caso di altre assunzioni da parte di IMR.  
Continua a leggere
28/02/2022 “Contrattare il green”: cantiere della Fim Cisl Marche per la giusta transizione
Venerdì 25 febbraio sono partiti da Ancona i “Cantieri Green per Delegati della Fim”. Il primo appuntamento, organizzato dalla Fim Cisl Marche, si è svolto al Conero Break alla presenza di oltre 90 delegati di aziende come Whirlpool, Franke, Elica, Caterpillar, Fincantieri e Ariston per focalizzare l’azione sindacale per una giusta transizione ecologica ed energetica. Hanno partecipato ai lavori Valerio D’Alò, Segretario Nazionale Fim Cisl, Cosmo Colonna, Dipartimento Energia Sicurezza Ambiente e Territorio Cisl nazionale, Mauro Masci, Segretario Generale Fim Cisl Marche, Cristiana Ilari, Dipartimento Politiche Attive del Lavoro e Formazione Cisl Marche, e Antonello Gisotti, Dipartimento Salute Sicurezza e Ambiente Fim Cisl nazionale. Per dare maggiore continuità all’azione di sviluppo organizzativo per una giusta transizione, la Fim Cisl Marche ha designato Alberto Zaffini quale Referente regionale Green: sarà lui, in contatto diretto con la Segreteria regionale e con quella nazionale, a governare il processo di sensibilizzazione e di scambio di esperienze e di buone prassi di contrattazione green svolta dai delegati nelle aziende. Durante l’incontro, oltre alla distribuzione e presentazione del “Manuale operativo green Fim per delegati” e il volume di Edizioni Lavoro “Transizione ecologica, energetica e lavoro”, sono stati presentati gli strumenti da aggiungere alla “cassetta degli attrezzi” per i delegati Fim: check list sulle certificazioni ambientali, indicatori dai rapporti di sostenibilità, canali di comunicazione Fim dedicati al green, avvisi per la formazione continua dedicati alle tematiche di sostenibilità ed economia circolare. Altro tema centrale della giornata è stato il rapporto formazione-competenze. Per la Fim,  è fondamentale che i delegati in tutte le aziende partecipino consapevolmente e responsabilmente alle iniziative aziendali in materia di gestione delle competenze. È stato inoltre citato lo studio di fine 2021 dell’Università di Trento per cui, nei prossimi anni, almeno 800 professioni saranno intaccate (alcune completamente, altre in parte) dal fenomeno della robotizzazione. Aver individuato i task a rischio offre al sindacato l’opportunità di agire in azienda (e nel territorio) affinché le professionalità e le competenze presenti vengano valorizzate in modo da limitare le conseguenze negative delle transizioni e dei cambiamenti climatici. All’appuntamento di Ancona ne seguiranno altri sei da realizzare in altre regioni prima della pausa estiva. A giugno, i partecipanti dei sette incontri si riuniranno in webinar per confrontarsi sullo stato di avanzamento della contrattazione aziendale sulle tematiche green. A novembre 2022 si terrà un secondo webinar, con aggiornamento sulle attività svolte e raccolta delle buone prassi della contrattazione green, che nel mese successivo saranno incluse in una pubblicazione in formato digitale da allegare al Rapporto Annuale Fim sulla sostenibilità.
Continua a leggere
17/02/2022 Caterpillar: Benaglia e Uliano al presidio dei lavoratori
Venerdì 18 febbraio il Segretario Generale della Fim Cisl Roberto Benaglia e il Segretario con delega all’ automotive Ferdinando Uliano hanno incontrato i lavoratori Caterpillar in presidio davanti ai cancelli dello stabilimento di Jesi. A pochi giorni dalla scadenza della procedura, vanno valutate tutte le proposte industriali arrivate nei giorni scorsi all’azienda e in particolare la proposta di IMR.  Bisogna incalzare ancora di più Caterpillar affinchè prenda seriamente in considerazione questa soluzione con l’obiettivo di garantire la continuità produttiva e la piena occupazione per tutti i lavoratori.      
Continua a leggere
03/02/2022 Caterpillar sit in dei sindacati davanti alla sede di Confindustria Ancona
I sindacati di categoria Fim Cisl Fiom Cigil e Uilm in sit in questa mattina  ad Ancona davanti alla sede di Confindustria  per sollecitare l'attenzione dell'associazione degli industriali sulla vertenza Caterpillar di Jesi.« Chiediamo con forza di dare continuità occupazionale e produttiva allo stabilimento della Caterpillar - afferma Luigi Imperiale, Fim Cisl Marche, in presidio con i lavoratori -  Va  ricordato che le aziende hanno anche una responsabilità sociale sul territorio nel quale si insediano. »
Continua a leggere
24/01/2022 Caterpillar: proposta inaccettabile anche per i Ministeri, oggi assemblee per valutare iniziative di mobilitazione
Si è svolto venerdì 21 gennaio in modalità da remoto l’incontro con la direzione Caterpillar a seguito della convocazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico. Durante l’incontro l’azienda ha dato un minimo di informazioni per quanto riguarda la visita che la società Duplomatic ha effettuato il giorno precedente, confermando  il proprio interesse per quanto riguarda lo stabilimento di Jesi. A tal proposito, Caterpillar ha richiesto entro il 14 febbraio una manifestazione di interesse che di fatto formalizzi e specifichi quanto di loro interesse. Inoltre, Caterpillar ha dichiarato che nel frattempo sono giunte altre due manifestazioni di interesse che molto probabilmente faranno visita allo stabilimento già dai prossimi giorni. Come organizzazioni abbiamo richiesto di essere costantemente aggiornati rispetto agli interessamenti emersi e sulla base di questa situazione al fine di garantire una continuità industriale ed occupazionale, abbiamo nuovamente ribadito la necessità di avere un tempo ulteriore, attraverso la sospensione della procedura di mobilità, in modo da poter valutare e concretizzare le offerte esistenti. Su questo punto Caterpillar ha dichiarato di essere disponibile a concedere un periodo massimo di 12 mesi di cassa integrazione, durante i quali farà tutto il possibile, con il supporto delle organizzazioni sindacali e delle Istituzioni, per trovare un terzo investitore che acquisisca l’azienda e assorba il personale, prevedendo incentivi per uscite volontarie e alla scadenza dei 12 mesi l’azienda potrà dar corso unilateralmente alla esecuzione della procedura di licenziamento in relazione ai rapporti di lavoro eventualmente ancora in essere a tale data. La proposta è stata respinta unitariamente dalle RSU e dalle organizzazioni sindacali, indisponibili a sottoscrivere un accordo che fin da ora preveda licenziamenti senza impegni alla reindustrializzazione concreti e vincolanti per Caterpillar. Questa proposta è stata giudicata assolutamente irricevibile sia da parte del Ministero dello Sviluppo Economico che dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Nella giornata di oggi, lunedì 24 gennaio 2022, si terranno le assemblee dei lavoratori per fare il punto della situazione e valutare le necessarie iniziative di mobilitazione
Continua a leggere