In evidenza - Emergenza Covid-19

27/05/2021 Tutte le misure del Decreto Sostegni BIS
In allegato le card del Decreto Sostegni BIS contenenti tutte le misure per lavoro, sanità, trasporti, famiglie, cultura e spettacolo, scuola, enti territoriali, agricoltura e pesca, elaborato sul testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 25 maggio 2021.
Continua a leggere
20/05/2021 Cgil, Cisl e Uil per la Giornata per la sicurezza sul lavoro: nelle Marche oltre 4.000 infortuni dall’inizio dell’anno
Oltre 4 mila infortuni sul lavoro dall'inizio dell'anno, 50 in più rispetto al 2020 (+1,2%), con gli aumenti maggiori che si riscontrano nel terziario e nell’industria. In crescita soprattutto gli infortuni in occasione di lavoro (+3,3%), mentre sono in calo quelli in itinere. Sono i preoccupanti dati marchigiani. Li hanno diramati Cgil, Cisl e Uil in occasione della Giornata di mobilitazione per la sicurezza sul lavoro promossa a livello nazionale per il 20 maggio. Una data simbolica: proprio in questo giorno, nel 1970, venne approvato lo Statuto dei Lavoratori. Nel ricordare quel passaggio storico i sindacati rilanciano oggi con iniziative per chiedere alle Istituzioni e alle altre parti sociali un "Patto per la salute e la sicurezza" che fermi la lunga scia di tragedie. Sono previste assemblee unitarie in tutta la regione tra cui alla Fincantieri di Ancona, alla IFI di Tavullia (PU), alla Barilla di Ascoli Piceno, alla Loro Piana di Porto S. Elpidio (FM), alla Fratelli Guzzini di Recanati (MC) e tante altre. Infortuni che spesso hanno esito mortale: tre i lavoratori deceduti dall’inizio dell’anno, dopo un 2020 con il tragico bilancio di 46 morti sul lavoro e 15 mila infortuni complessivi. Ancona è la provincia che ha registrato il maggior numero di infortuni: ben 1.555 contro i 910 di Pesaro Urbino, 838 a Macerata, 408 ad Ascoli e 372 a Fermo. Una lunga scia di sangue, non più tollerabile, che si abbatte sugli affetti delle famiglie, sul loro reddito e sul loro futuro. «Numeri freddi ma anche più preoccupanti -  evidenziano Daniela Barbaresi, Sauro Rossi e Claudia Mazzucchelli, rispettivamente segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Marche - se pensiamo che la nostra regione in un anno di Covid hanno perso oltre 14mila posti di lavoro e che in questi primi tre mesi il ricorso alla cassa integrazione ha superato i 21 milioni di ore contro gli appena 1,3 milioni dello stesso periodo pre emergenza pandemica. Ciò significa che l'incidenza è più alta».  Le mobilitazioni per la sicurezza sul lavoro proseguiranno anche nei prossimi giorni con tante assemblee, iniziative e presidi nei territori. Previsto anche un presidio di fronte a Palazzo Leopardi, sede dell’Assemblea Legislativa delle Marche per martedì 25 maggio, dalle ore 11. «La sicurezza sul lavoro non deve essere solo uno slogan – concludono Barbaresi, Rossi e Mazzucchelli -  le leggi ci sono ma occorre continuare a lavorare alla loro piena applicazione e a un sistema di controlli che sia continuo e puntuale. Di fronte a questi numeri non basta commuoversi e indignarsi, ma occorrono azioni forti e decise da parte di tutti: dalle imprese alle Istituzioni. Alla Regione chiediamo di intervenire subito per garantire le risorse e soprattutto gli organici necessari all’intensificazione dei controlli nelle aziende e nei cantieri e per organizzare un adeguato sistema di prevenzione. Altrettanto necessario agire sul fronte dell’organizzazione del lavoro e contrastando la precarietà, la frantumazione del lavoro e la ricattabilità dei lavoratori.»
Continua a leggere
23/04/2021 Decreto “Riaperture”: le misure dal 26 aprile
Il volantone e le format card del Decreto “Riaperture” contenenti tutte le misure per spostamenti, pass vaccinale, Scuola e Università, ristorazione, fiere, congressi e attività ludiche, cinema, teatri e concerti, sport ed eventi sportivi elaborato sul testo del DL bollinato
Continua a leggere
06/04/2021 Tutte le misure del Decreto Aprile
Tutte le misure del Decreto Aprile 2021 nella sintesi elaborata dalla Cisl sul testo del DL bollinato.            
Continua a leggere
26/03/2021 Covid 19: congedi e misure per le famiglie
Il Decreto Legge 13 marzo 2021, n.30 contiene misure particolari per le famiglie con figli fino ai 16 anni. Il genitore lavoratore dipendente, che convive con il figlio di età fino a 16 anni, alternativamente all’altro genitore, può svolgere lavoro agile nei casi di:  per un periodo in tutto o in parte della durata della Didattica A Distanza;  per la durata dell’infezione da SARS COVID –19 del figlio;  per durata della quarantena del figlio disposta dai servizi sanitari. Nel caso in cui non sia possibile svolgere lavoro agile: ai genitori lavoratori dipendenti con i figli minori di 14 anni per i casi di cui sopra oppure con disabili con gravità accertata (L. n. 104/92 art. 4 c. 1) è riconosciuto periodo di congedo. I genitori in maniera alternata possono assentarsi dal lavoro e ottenere un’indennità sostitutiva della retribuzione del 50% della retribuzione, con riconoscimento della contribuzione figurativa. Lo stesso beneficio è concesso ai genitori di figli disabili con gravità accertata (L. n.104/92 art. 4 c. 1) , in caso di sospensione scolastica o chiusura dei centri diurni. I congedi parentali di cui agli art. 32 e art. 33 D.L.gs 151/01 richiesti dai genitori e fruiti dal 1° gennaio 2021 fino all’entrata in vigore del decreto possono essere convertiti in congedi con indennità e non sono computati, né indennizzati a titolo di congedo parentale. Ai genitori lavoratori dipendenti con figli da 14 a 16 anni uno dei genitori, alternativamente all’altro, ha diritto di astenersi dal lavoro senza il riconoscimento dell‘indennità e della contribuzione figurativa, con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro. Bonus Baby Sitting di 100 euro alla settimana per acquisto di servizi baby sitting per figli minori di 14 anni e sospesi dalla scuola causa COVID-19 alle lavoratrici e ai lavoratori:  iscritte/i alla gestione separata INPS e autonomi;  del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico impiegati per l’emergenza Covid-19;  del sistema sanitario pubblico e privato accreditato, medici, infermieri, tecnici di laboratorio biomedico, tecnici di radiologia medica, operatori socio sanitari. Il bonus è erogato tramite il libretto di famiglia o direttamente al richiedente in caso di iscrizione ai centri estivi, servizi integrativi per l’infanzia, ai servizi socio-educativi e ricreativi territoriali e ad altri servizi per la prima infanzia. Il bonus non è compatibile con il bonus nido o se l’altro genitore accede al lavoro agile oppure al congedo con indennità. Per ulteriori informazioni rivolgersi alle sedi CISL
Continua a leggere
22/03/2021 Decreto Sostegni: tutte le misure per le famiglie, il lavoro, le imprese e gli enti locali
Il volantone della Cisl con tutte le misure previste dal Decreto Sostegni a favore di famiglie, lavoro, imprese ed enti locali
Continua a leggere
16/01/2021 DPCM 14 gennaio 2021: le nuove misure in vigore dal 16 gennaio al 5 marzo 2021
Tutte le misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica, in vigore  dal 16 gennaio al 5 marzo 2021, previste dal DPCM del 14 gennaio 2021   pubblicato in Gazzetta Ufficiale.  
Continua a leggere
07/01/2021 Decreto Legge 5 gennaio 2021: tutte le nuove misure nazionali valide dal 7 al 15 gennaio 2021
Sintesi delle  nuove misure nazionali previste dal DECRETO-LEGGE 5 gennaio 2021, n. 1 per il   contenimento e  la gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19, valide dal 7 al 15 gennaio 2021.    
Continua a leggere
10/11/2020 Decreto Ristori Bis
Tutte le ulteriori nuove misure previste dal D.L. Ristori Bis del  9 novembre 2020 n.149 pubblicato in Gazzetta Ufficiale   
Continua a leggere
15/10/2020 Contagio da Coronavirus sul luogo di lavoro: la Inas Cisl Marche assiste gratuitamente tutti i lavoratori che contraggono il Covid 19
Il Decreto legge "Cura !talia" interviene a tutela dei lavoratori dipendenti e assimilati (soci - lavoratori di cooperative, collaboratori occasionali ed altri) che contraggono il contagio da Covid 19 in occasione di lavoro, compreso l'itinere. A questi lavoratori viene infatti riconosciuta la tutela Inail al pari degli altri casi di infortunio sul lavoro. Il Patronato Inas Cisl assiste gratuitamente tutti i lavoratori che si trovano nella condizione di contagiato da Covid 19. L'indennizzo viene riconosciuto a fronte della certificazione medica, dal primo giorno di contagio oppure dal primo giorno della quarantena (se il contagio viene scoperto durante questo periodo), fino a guarigione clinica. I casi denunciati come malattia possono essere riconvertiti in infortunio Covid 19. Sono riconosciuti come infortunio Covid 19 i casi in cui il contagio avviene nel tragitto casa - lavoro. L'Inail ha precisato che per tutta la durata dell'epidemia sarà considerato come mezzo di trasporto riconosciuto per lo spostamento in itinere non solo quello pubblico ma anche quello privato (essendo meno rischioso sotto il profilo del contagio). Il datore di lavoro ha l'obbligo di denunciare l'infortunio. Il medico ha l'obbligo di trasmettere il certificato di infortunio. Ai superstiti dei lavoratori deceduti a seguito di infortunio Covid 19 viene riconosciuta una somma una tantum in aggiunta alla rendita ai superstiti riconosciuta dall'Inail e all'assegno funerario. Per attivare l'assistenza gratuita, che comprende l'eventuale successiva fase di valutazione medico legale, contatta l'Inas Cisl Marche tramite il numero verde 800 249307 oppure rivolgiti al delegato Cisl nel tuo luogo di lavoro. Puoi contattare il Patronato Inas Cisl Marche anche agli indirizzi email ancona@inas.it ascolipiceno@inas.it macerata@inas.it pesaro@inas.it
Continua a leggere
07/04/2020 MISURE DI SOSTEGNO PER I LAVORATORI
    SINTESI DECRETO CURA ITALIA: LE MISURE A SOSTEGNO DEL LAVORO  a cura di INAS CISL    
Continua a leggere
07/04/2020 MISURE DI SOSTEGNO PER LE FAMIGLIE
 SINTESI DECRETO CURA ITALIA: LE MISURE PER LE FAMIGLIE a cura di INAS CISL            Congedi e Legge 104: le misure per le famiglie del Decreto "Cura Italia"   30 marzo 2020 Il Decreto Legge 18/2020, il cosiddetto "Cura Italia", emanato dal Governo per fronteggiare l'emergenza Coronavirus contiene misure di sostegno economico per le famiglie. In particolare, sono previsti congedi parentali straordinari per i lavoratori del settore privato, per i lavoratori autonomi, per gli iscritti alle gestioni separate e per i lavoratori del settore pubblico e del settore sanitario pubblico o privato convenzionato. Sono estesi anche i permessi previsti dalla Legge 104/92: il numero dei giorni di permesso mensile retribuiti coperti da contribuzione figurativa di cui all’art 33 c.3 L 104/92 è incrementato di ulteriori complessivi 12 gg distribuibili nei mesi di marzo e aprile 2020, per un totale di 18 gg usufruibili nei due mesi in questione. Esempio 1: 6 giorni di permesso a marzo + 3 giorni di permesso ordinario 6 giorni di permesso ad aprile + 3 giorni di permesso ordinario Esempio 2: 8 giorni di permesso a marzo + 3 giorni di permesso ordinario 4 giorni di permesso ad aprile + 3 giorni di permesso ordinario   Il beneficio è riconosciuto anche al personale sanitario compatibilmente con le esigenze organizzative delle aziende ed enti del Servizio sanitario nazionale impegnati nell'emergenza COVID-19 e del comparto sanità. Attenzione: se il dipendente già fruisce di permessi per assistenza a disabile,non deve presentare alcuna domanda, ma accordarsi col datore di lavoro per usufruire degli ulteriori giorni; per il lavoratore che richiede i permessi per la prima volta occorre presentare istanza telematica all’Inps. Per informazioni contatta telefonicamente il patronato INAS CISL al numero unico 800 249 307 LE PRATICHE INAS PER GLI ISCRITTI CISL SONO GRATUITE    
Continua a leggere